Partito di Alternativa Comunista

SALUTI AL II CONGRESSO DEL PDAC



 


SEGRETARIATO INTERNAZIONALE DELLA LIT - QUARTA INTERNAZIONALE

 

Queridos companheiros,

            Recebam uma forte saudação ao 2º Congresso do Pd'AC que hoje realizam. Qualquer congresso é um momento fundamental de uma organização revolucionária, pois expressa os desafios que estão colocados ao nosso partido pela luta de classes e pelo desenvolvimento da organização, nos vários momentos da sua história.
O vosso primeiro Congresso teve como grande tarefa fundar um novo partido revolucionário, num contexto em que um governo de Frente Popular dirigia Itália. A continuação dos ataques aos trabalhadores perpetrados pelo governo e as capitulações da maioria da esquerda a esse mesmo governo, mostram que a nossa política de construir um novo partido revolucionário em oposição ao governo de frente popular marcou a diferença. Hoje temos por isso um partido que se afirmou politicamente e que está em condições de responder à realidade política de hoje na Itália.
No momento em que realizam o vosso Congresso, o mundo continua a viver a mais profunda crise mundial desde 1929, da qual a Europa e a Itália não escaparam. Apesar da recuperação parcial (onde muitos querem ver o fim da crise), sabemos que a crise não acabou e que a burguesia continuará a jogar a crise nas costas dos trabalhadores do mundo inteiro, atacando os seu empregos e os seus direitos mais básicos como a alimentação, a saúde, a habitação, a educação.
Em Itália, o fim do governo Prodi (integrado pela Refundação Comunista) e o retorno de Berlusconi não conseguiram trazer a estabilidade política que a burguesia desejaria para levar a cabo os seus planos de ataque aos trabalhadores. Os trabalhadores têm começado a sair à rua para mostrar o seu descontentamento e já deixaram claro que Berlusconi não é o seu governo. Todavia, em Itália como na maior parte dos países, a reação da classe trabalhadora continua ainda aquém, face à dimensão dos ataques da burguesia. Ao mesmo tempo, os efeitos sociais da crise têm também aberto espaço para o recrudescimento do sentimento anti-imigrantes e vem crescendo o apoio popular às políticas xenófobas do governo Berlusconi.
O desabamento da frente popular e dos aparatos que a sustentaram, criam um novo espaço politico e sindical. A reorganização sindical em curso abre espaço para o avanço na nossa inserção estrutural na classe trabalhadora italiana, que tanta tradição de luta. Ao mesmo tempo, o facto de a maioria da esquerda revolucionaria ter abandonado a estratégia da construção do partido leninista abre um maior espaço para o nosso crescimento como partido político. Estes, parece-nos, são os importantes desafios colocados ao nosso partido hoje em Itália. Este congresso é um momento importante para tomá-los de frente e ver como os podemos enfrentar.
Neste 2º Congresso queremos também assinalar a importância que tem para a LIT a construção de um partido revolucionário na Itália. No seu 1º Congresso, o Pd'AC, enquanto partido que pretende ser parte de um projecto revolucionário mundial, tomou a decisão de se integrar à LIT-CI. Pensamos que a construção de uma Internacional, como de um partido, é um processo que leva tempo, confiança, discussão e experiência conjunta. Por isso queremos sublinhar a importância do processo de integração que os dirigentes do Pd'AC vêm fazendo no seio da LIT seja através da sua integração ao CEI (Comité Executivo Internacional), seja através das tarefas tomadas como dirigentes europeus da LIT-CI. Este processo é fundamental para o avanço da construção da LIT e para o nosso projecto estratégico de reconstrução da IV.
Finalmente, esperamos que este congresso seja um grande êxito e que sirva para avançar nas tarefas e desafios que o Pd'AC tem pela frente, e para as quais poderão sempre contar com todo o apoio de la LIT-CI.

            Saudações revolucionárias,

SI da LIT-CI

São Paulo, 7 de Janeiro de 2009

 



PST (COLOMBIA)

 

Saludo del PST de Colombia al congreso del PdeAC de Italia

Camaradas del PdeAC, reciban un fraternal saludo del Partido Socialista de los Trabajadores de Colombia. Las limitaciones que nos impone el desconocimiento del idioma para hacer un seguimiento riguroso a la situación política de Italia- más allá de una lectura del documento político aprobado en abril de 2009 y de la edición Nº22 de Progetto Comunista- nos permiten apenas una idea muy general de la situación de la lucha de clases en su país, lo que nos dificulta ayudar seriamente al análisis de ese proceso. Sin embargo esos dos materiales y el marco político internacional aportado por la LIT, nos permiten constatar que la ofensiva capitalista contra los trabajadores italianos, nativos e inmigrantes, es, al igual que en todos los países semicoloniales e imperialistas, muy fuerte. El imperialismo está haciendo enormes esfuerzos para tratar de remontar la crisis aplicando planes económicos cada vez más violentos contra las masas en todos los países sin distinción, e Italia no podía ser la excepción.
La perspectiva para millones de trabajadores de Europa del Este, España, Grecia, Italia e Irlanda, para citar solamente lo más publicitado en la prensa burguesa imperialista, no difiere mucho de la difícil situación que deben soportar desde hace décadas los proletarios de los países semicoloniales. El imperialismo, acosado por la crisis crónica de su decadente economía, simplemente está nivelando la situación por abajo, arremetiendo contra las conquistas históricas alcanzadas por su propia clase obrera en las duras luchas de clases que sucedieron a las dos grandes guerras europeas del siglo pasado. Esa realidad que ustedes enfrentan hoy de la privatización de las empresas estatales, los despidos, el empleo precario, las nuevas leyes que recortan el derecho de huelga y la persecución a los trabajadores inmigrantes, socorridos por la política traidora de la concertación de las direcciones reformistas, es una copia de lo que han sido los planes neoliberales en todo el mundo semicolonial contra las conquistas de los trabajadores. Pero allá, al igual que en decenas de países de los cinco continentes, como ustedes certeramente lo señalan, los trabajadores responden luchando heroicamente, haciendo enormes esfuerzos por sobreponerse a la terrible debilidad histórica de la ausencia de una dirección revolucionaria, sin la cual el triunfo se muestra especialmente esquivo.
Y es precisamente ahí donde radica la enorme significación del congreso del PdAC, cuyas deliberaciones ustedes hoy inician, como paso fundamental en la concreción de la estrategia que ya han definido de construir un partido realmente comunista -en las palabras y en los hechos como ustedes lo expresan-, sin buscar atajos, sino integrados a la lucha cotidiana de los trabajadores, combatiendo el decadente capitalismo imperialista y la política de colaboración de clases y el reformismo en el marco del partido internacional: la Liga Internacional de los Trabajadores. Porque sin ese partido y sin direcciones en los gremios obreros que reivindiquen su programa, su política y sus métodos, difícilmente las luchas de los trabajadores italianos confluirán en la huelga general que expulse al gobierno de Berlusconi, como parte de la política ofensiva que de conjunto ha de librar el viejo topo del proletariado europeo contra el régimen capitalista mundial.
Al PdAc y al PST - y de conjunto al viejo Cito- nos han unido la decisión simultánea de sumarnos a las filas de la LIT (por primera vez en el caso de ustedes y como reingreso en el caso nuestro) y de juntar nuestras fuerzas para ayudar a construir la dirección internacional que impulse la revolución socialista y la construcción del socialismo. Hoy, como parte de esa tarea, nos une además el propósito común de convencer al proletariado nativo de los países imperialistas, al sobreexplotado proletariado inmigrante y al proletariado de los países semicoloniales de la firme idea de que somos una sola clase y que por tanto debemos empujar, simultanea y coordinadamente, hasta derribar el muro ideológico y racista que, para separarnos ficticiamente, han construido los burgueses y sus aliados los burócratas y reformistas, dificultándonos la tarea de la destrucción de la explotación capitalista.
Camaradas, nos produce una enorme alegría contar en Italia con un partido que, a pesar de su juventud, se propone como alternativa para la revolución socialista en ese país. Para los revolucionarios del mundo semicolonial el triunfo del socialismo en nuestros países es imposible de alcanzar sin el concurso decidido de los experimentados y concentrados trabajadores europeos, y en general del proletariado de los países imperialistas. Para nosotros, los herederos de la tradición de la LIT y de Moreno, la construcción de los partidos revolucionarios en Italia, España, Francia, Inglaterra o Estados Unidos ha sido una eterna obsesión, con la que hoy ustedes contribuyen enormemente.
A la espera de las conclusiones de su congreso, les deseamos muchos éxitos en las deliberaciones.

Fraternalmente,

Partido Socialista de los Trabajadores de Colombia

Comité Ejecutivo

Enero 7 de 2010

 


 

ESECUTIVO NAZIONALE RDB

 

Cari compagni, care compagne del Pdac,

anzitutto vi auguro un buon congresso. Mi scuso per non aver potuto intervenire di persona ma in queste settimane, come sapete, siamo impegnati in riunioni regionali e nazionali nel quadro del lavoro per la unificazione del sindacalismo di base. Stiamo lavorando investendo in questa direzione per la costruzione di un soggetto sindacale più forte, radicato, conflittuale e non concertativo.
Proprio in questo momento, in cui il conflitto sociale riprende vigore in forme sempre più radicali, bisogna rompere con ogni opzione concertativa perseguita dai sindacati confederali e non.
Questo è un passaggio di grandissima importanza e, crediamo, c'è bisogno di tutti coloro che si collocano nell'ambito della difesa dei lavoratori.

Cari compagni, buon congresso!

 Pier Paolo Leonardi

(per l'Esecutivo Nazionale Rdb)



 

POI (RUSSIA)

 

Al II Congreso del Partito di Alternativa Comunista (PdAC), sección de la LITci en Italia,
Camaradas, les hacemos llegar nuestros saludos desde el POI (Partido Obrero Internacionalista), seccion de la LITci en Rusia.
La actual crise economica vuelve a poner en rojo vivo todas las contradicciones del sistema capitalista. Despues de la borrachera capitalista de la "muerte del comunismo", la crise economica vuelve a dejar claro que la razon la tuvieron siempre los marxistas revolucionarios, que siempre afirmaron que el capitalismo es incapaz de resolver las mas minimas contradicciones engendradas por el propio capitalismo. No es capaz de garantizar siquiera la racion minima de calorias necesarias a cada ser humano del planeta. Siquiera en el gran ciclo de crecimiento economico recien terminado, que fue la base objetiva para la campana de que el comunismo habia muerto, se conseguio acabar con el desempleo, la fome y la miseria. Las guerras de Irak, Afganistan y otras muestran por otro lado que tampoco el capitalismo es capaz de asegurar el fin de las guerras, al revez, hunde a la humanidad cada vez mas en su agonia guerrera. Los procesos de acalentamiento global y la reciente y fracasada conferencia del clima muestran tambien que el capitalismo tampoco es capaz de garantizar que no se destruya el planeta, es imposible garantizar un "desarrollo sustentado" en los marcos del capitalismo.
De manera que la lucha para acabar con la fome, la miseria, las guerras y por evitar el holocausto ecologico se quedo solamente en nuestras manos. Somos debiles, pero no hay otra salida, no hay otra fuerza capaz de libertar y salvar a la humanidad. Solo la lucha de clases bajo la bandera del marxismo revolucionario, solo el fortalecimiento de la LITci y de sus secciones, como paso previo a la reconstruccion de la IV Internacional, puede presentar una salida positiva a la degradacion y barbarie capitalista.
Les deseamos suceso en vuestro 2º congreso. Las dificultades en el largo proceso de construccion de una organizacion marxista revolucionaria son inumeras, como decia Moreno es la tarea mas dificil de la historia de la humanidad. La lucha contra el revisionismo y tendencias antileninistas es una constante, asi como fue una constante para los bolcheviques, pero al fin y al cabo, la historia nos dio la razon siempre.
Tenemos, ademas, razones para ser optimistas, nosotros y la clase obrera mundial apreendemos muchisimo con las experiencias pasadas, y la destruccion del stalinismo - sepulturero de la revolucion mundial - abre muchas nuevas posibilidades. Y lo principal, con todas las derrotas y decepciones, la clase obrera mundial NUNCA ha parado de luchar! Todas las fuerzas de esta etapa historica estan contra nosotros - excepto una - la propia rueda de la historia. El comunismo murio? Viva el comunismo!

Por el ejecutivo del POI, seccion de la LITci en Rusia




FOS (ARGENTINA)

 

A los congresales del PdAC

Queridos compañeros:
Con enorme satisfacción saludamos al Congreso de nuestra sección italiana. En momentos de la crisis mundial del capitalismo, somos concientes de la importancia que tiene poder avanzar en la construcción de la dirección revolucionaria en Europa, en el camino de la reconstrucción de la IV Internacional. Y sabemos del importante paso dado, en ese sentido, con el ingreso del PdAC a la LIT-CI.
En la Argentina, se están desarrollando importantes luchas que enfrentan los despidos y los ataques a las direcciones no controladas por la burocracia sindical. Nuestro partido, el FOS, está recibiendo parte de esos ataques y es desde esa trinchera de lucha que les hacemos llegar los mejores deseos en el desarrollo de vuestro congreso. ¡Exitos en vuestros trabajos!

¡Viva el PdAC!

¡Viva la LIT-CI!

¡Por la reconstrucción de la IV Internacional!

Alicia Sagra

por el CE del FOS

Buenos Aires, 7 de enero de 2010



PSTU (BRASILE)

 

Aos companheiros do Pd'AC
Queremos enviar-lhes um grande abraço dos militantes do PSTU aos companheiros do Pd'AC pela realização de seu segundo congresso.
Não se trata de um comprimento formal, mas da expressão da emoção dos militantes brasileiros em saudar camaradas da mesma internacional, que enfrentaram um governo de frente popular como o de Prodi e se afirmaram como partido. E que estão agora enfrentando o governo direitista de Berlusconi com o mesmo vigor.
Queremos que os estudantes do Pd'AC se sintam saudados pelos estudantes do PSTU que ocuparam as reitorias de universidades e estão construindo a ANEL. Que os professores do Pd'AC se sintam abraçados pelos professores do PSTU que estiveram a frente das mobilizações recentes. Que os operários do Pd'AC se sintam congratulados pelos metalúrgicos de S. José que dirigiram as greves contra a patronal e a burocracia da CUT, estão construindo a Conlutas. E, mais que tudo, que todos os militantes italianos da LIT sintam que temos orgulho de militar na mesma internacional que vocês.
Nós do PSTU, temos clareza que sem a internacional não somos nada. Não existe possibilidade de construir um partido revolucionário só nos marcos nacionais. Os desvios e as pressões nacionais inevitavelmente nos levariam à derrota, como todos os projetos nacional-trotsquistas já o comprovaram. Por isso, damos tanta importância à construção de nossa internacional. E acreditamos que as opiniões e experiências dos quadros e da direção do Pd'AC serão partes fundamentais da construção dessa internacional.
Esperamos que vocês tenham um excelente congresso.

CC do PSTU

 


RETE 28 APRILE IN CGIL

 

Cari compagni, care compagne del Pdac,

vi ringrazio per l'invito al vostro Congresso al quale purtroppo non posso partecipare per impegni sulla crisi e per il congresso della Cgil.

Siamo in un momento terribile per la classe operaia e per la stessa democrazia. La crisi non solo non è finita, ma sta dispiegando i suoi effetti e la sua gestione più brutale proprio ora.

L'attacco all'occupazione parte oggi dalla Fiat, dall'Alcoa, dalle grandi multinazionali e ha lo scopo di far pagare a tutto il mondo del lavoro i costi della crisi. L'accordo separato sul sistema contrattuale prefigura la liquidazione del contratto nazionale nel nome dell'aziendalismo corporativo con la complicità di Cisl e Uil. Prosegue l'aggressione della precarietà a strati sempre più vasti di popolazione soprattutto giovanile. Un regime di abusi discriminazioni violenze si abbatte sui migranti mentre si alimentano a fini di governo xenofobia e razzismo. Il Mezzogiorno regredisce di decenni e viene scaricato come un vagone rotto. Su tutto questo si appoggia il regime berlusconiano che si fa forza della oramai penosa inconsistenza e subalternità di gran parte dell'opposizione istituzionale.

Sul fronte sindacale la crisi avanza e la stessa Cgil è in discussione. Su questo c'è il congresso e come sapete la Rete 28 Aprile assieme alla maggioranza della Fiom della Funzione pubblica alla Fisac ad alcune Camere del Lavoro ha presentato un documento alternativo che ha come punto di partenza il rifiuto di continuare nella politica della concertazione. E' un passaggio decisivo per tutte le lavoratrici ed i lavoratori italiani nel quale siamo impegnati tra un presidio di fabbrica e una manifestazione.

Nonostante tutto l'Italia è oggi il Paese europeo con la più alta conflittualità sociale e la più debole rappresentanza politica di esso. Su questo si deve riflettere e lavorare e partendo da qui vi auguro buon congresso.

 

Giorgio Cremaschi


LUCHA SOCIALISTA (BOLIVIA)

 

Compañeros y compañeras del PdAC,
Desde el otro lado del Continente, el Grupo Lucha Socialista, sección de la LIT-CI en Bolivia, saluda a todos los participantes del congreso y hacemos votos de que sus elaboraciones, debates y resoluciones, sean una herramienta de fortalecimiento de cada compañero y compañera militante. Es seguro que reafirmara las bases en la construcción de éste importante instrumento de los obreros y de la juventud que es el PdAC en Italia.
Que estos días del congreso sirvan para construir un conjunto de políticas que les permita avanzar aún más en el acercamiento y organización de los trabajadores y de la juventud. Para seguir combatiendo a la burguesía, sus gobiernos y su podrido régimen capitalista hasta derrotarlos.
Compañeros y compañeras, les deseamos un buen congreso y que junto a nuestra Internacional, sigamos firme en la lucha por la superación de la crisis de dirección revolucionaria.

Saludos Revolucionarios,

Grupo Lucha Socialista

La Paz, 7 de enero de 2010.

 

 


PST (PERÙ)

 

Lima Perú, enero 2010


Estimados camaradas del PdAC:
Enterados de la realización de vuestro Congreso los días 8, 9 y 10 de los corrientes, os envíanos el saludo fraterno y revolucionario del PST, el Partido Socialista de los Trabajadores de Perú, con los mejores deseos de que el mismo sea un rotundo éxito, y sobre todo un hito en la construcción del PdAC y de la LITci en vuestro país.
La crisis capitalista actual nos ha colocado a los revolucionarios ante desafíos inéditos. La conocida contradicción entre la maduración de las condiciones objetivas y el atraso en las condiciones subjetivas de las masas, en particular por el rol de las direcciones traidoras y burocráticas, hoy se nos hizo más patente que nunca. Esta realidad le está costando a los trabajadores pagar el costo de la mayor crisis capitalista desde el año 29 con despidos masivos y la pérdida de conquistas. Pero al mismo tiempo, esta crisis como el rol de las direcciones que colaboran con el capital, confirman la vigencia de nuestro programa y nuestro combate histórico por la transformación socialista de la humanidad, y son una oportunidad para construirnos en la clase obrera y comenzar a disputar su dirección, lo que en perspectiva es la tarea estratégica que nos hemos planteado para resolver el problema del poder.
Nunca ninguna tarea ha sido fácil para los revolucionarios. En particular así lo estima nuestra corriente que pese a reivindicar la continuidad del marxismo revolucionario, reconocemos falencias y debilidades en muchos terrenos de nuestra construcción. No obstante, encaramos estas debilidades con el mismo método del marxismo: interviniendo y construyendo nuestras organizaciones en el seno de la clase obrera.
La ubicación privilegiada del PdAC en el seno de la clase obrera europea, una de las más numerosas y sobre todo de mayor tradición marxista, los coloca ante el mayor de los desafíos. En esta tarea saben ustedes camaradas que no están solos: cuentan con la LIT y con militantes como los nuestros que desde otras áreas del mundo seguimos con atención y con compromiso el desarrollo de vuestra organización, que sentimos también nuestra.
Sin lugar a dudas, la victoria de vuestro Congreso y las tareas políticas y organizativas que ahí se voten, representarán un avance en la construcción del PdAC y de la LIT en el camino de reconstruir la IV Internacional.

¡Viva el Congreso del PdAC!

¡Viva la LIT!

Feder

Comité Ejecutivo del PST -Perú




PT (PARAGUAY)

 

Estimados camaradas del PdAC:
Reciban desde el Paraguay un caluroso y revolucionario a vuestro Congreso.
Desde el Partido de los Trabajadores (PT), sección paraguaya de la Liga Internacional de los Trabajadores - Cuarta Internacional (LIT-CI), nos parece que el mismo es un paso fundamental en el sentido de construir una autentica y consecuente dirección obrera y revolucionaria en Italia, Europa y, por supuesto, un avance importantísimo hacia nuestro objetivo estratégico de reconstruir la Cuarta Internacional.
El proletariado y las masas explotadas italianas y europeas pueden y deben cumplir un rol de primera línea en la lucha por la revolución mundial y la destrucción total del imperialismo. Esta bandera, la bandera roja del socialismo revolucionario, hoy está en nuestras manos y estamos seguros de que en Italia flamea bien alto y firme.
Les deseamos éxitos en vuestras deliberaciones y esperamos firmemente que, con vuestra entrega y sacrificio militantes, el PdAC sea próximamente el principal referente de lucha y del socialismo revolucionario en Italia.
En ésta tarea, cuentan con el apoyo incondicional de su partido hermano en Paraguay.

Saludos trotskistas;

Comité Ejecutivo Nacional

9 de enero de 2010

 


FR‑IC (CILE)

 

Saludos al Congreso del Partido de Alternativa Comunista- Italia
Compañeros del Partido de Alternativa Comunista, para Fuerza Revolucionaria-Izquierda Comunista es un verdadero honor saludarles.
Desde acá, desde el sur de América del Sur; desde la patria de Luis Emilio Recabarren y Clotario Blest, desde este fin de mundo; les decimos que la lucha nos hermana y en la ruta que traza la lucha de clases, nuestra Internacional nos dirige como una gran brújula de los revolucionarios.
Nuestra meta es una sola: la Revolución Socialista mundial.
Si ustedes camaradas pudieran vivenciar el enorme orgullo que los camaradas de FR-IC sienten por nuestros hermanos de la Internacional, no nos cabe duda que les embargaría la misma emoción que acá sentimos, cuando escribimos estas líneas.
Somos un pequeño grupo que no supera los treinta militantes, pero que en cada lucha callejera se hace presente, somos un partido joven en donde el promedio de edad son los treinta años, así es que sabemos que tenemos mucho por aprender y una ardua tarea por lograr, pero sabemos que de la mano de ustedes y de nuestra internacional avanzaremos hacia el triunfo.
Hoy nuestra tarea es construir un pequeño partido de vanguardia, pero hoy también nuestra tarea es junto a ustedes construir la Liga Internacional de los Trabajadores-Cuarta Internacional.
Adelante con vuestro Congreso, desde Chile les seguimos con expectación; adelante con vuestra fuerza, pues la revolución es la meta; y el Socialismo nuestro triunfo.

Viva el segundo congreso de Alternativa Comunista.

Viva el Partido de Alternativa Comunista.

Viva Fuerza Revolucionaria-Izquierda Comunista

Viva La Liga Internacional de los Trabajadores

Viva la Clase Obrera mundial

Viva el Compañero Nahuel Moreno

Hasta el Socialismo Siempre.

Comité Central FR-IC

 



VOCE DEI LAVORATORI (STATI UNITI)

 

Queridos compañeros del PdAC,
Los compañeros de la Voz de los Trabajadores, grupo simpatizante de la LIT-CI en los Estados Unidos, les mandan calurosos y revolucionarios saludos en la ocasión de su segundo congreso. Estamos bien orgullosos de estar en el mismo partido internacional que ustedes, tanto por el trabajo que hacen por la contrucción de una verdadera organización revolucionaria en Italia, como por su trabajo por la reconstrucción de la IV. Entendemos plenamente las dificultades de militar en un país imperialista, y por eso queremos resaltar que la única manera de llevar a cabo un trabajo verdaderamente revolucionario en estos países es primero retomar, como ustedes lo hacen, el duro pero crucial trabajo de desarrollar una oposición de clase en los sindicatos, independiente y democrática, y segundo el organizar y apoyar a los sectores más explotados y oprimidos, como los son las mujeres trabajadoras y los trabajadores inmigrantes entre otros.
Sabemos que estos saludos llegan con un poco de retraso, esperamos de todo corazón que el congreso haya sido un éxito y les deseamos un 2010 lleno de luchas y victorias.¡Viva el PdAC!
¡Viva la LIT-CI y la reconstrucción de la Cuarta!
Bl. por la dirección de La Voz.

 

 

La situazione politica in Italia

IL PROGRAMMA DEI RIVOLUZIONARI

NEL NUOVO CICLO DI LOTTE

 

La crisi capitalistica mondiale investe il nostro Paese e acutizza il conflitto di classe

La crisi capitalistica anche nel nostro Paese si sta allargando e aggravando. Oggi, la vera natura del capitalismo è sotto gli occhi di tutti: per arginare la caduta del tasso di profitto e far pagare la crisi ai lavoratori, il capitale non esita a chiudere aziende; a ricorrere a licenziamenti di massa e all'ulteriore precarizzazione dei rapporti di lavoro; a trasferire la produzione in Paesi in cui la forza lavoro costa meno; ad attaccare in modo diretto - con politiche razziste, espulsioni, respingimenti, ecc - gli strati più sfruttati della classe operaia, cioè gli immigrati (divenuti capro espiatorio della crisi del sistema). Il capitalismo in putrefazione determina la distruzione delle forze produttive, con conseguenze catastrofiche soprattutto sulle nuove generazioni, condannate alla miseria e alla disoccupazione. Non è da escludersi che i magnati della grande industria e della finanza, memori degli insegnamenti del secolo scorso, per conservare il proprio predominio e salvaguardare i profitti, alimentino una deriva guerrafondaia che potrebbe condurre anche a una nuova stagione di conflitti interimperialistici.
La crisi in Italia coinvolge migliaia di imprese dell'industria, dell'edilizia, dell'artigianato, del commercio, del turismo, dei servizi. La grande impresa attraversa una fase di ulteriore concentrazione e centralizzazione del capitale con conseguenti chiusure di stabilimenti. La Fiat, mentre riceve finanziamenti dalle banche (Intesa San Paolo, Unicredit) e stabilisce accordi e fusioni internazionali (Chrysler), annuncia la chiusura di stabilimenti (Pomigliano, Termini Imerese) e migliaia di licenziamenti, spostando gran parte dell'intero suo asse produttivo al di là dell'oceano, negli Stati Uniti, approfittando di finanziamenti del Tesoro statunitense e negoziando con il sindacato aziendale (sindacato che, in combutta col padronato, entrerà nel consiglio di amministrazione della nuova società) la violenta compressione dei diritti dei lavoratori già assunti e da assumere (drastica riduzione dei salari, divieto di sciopero, ecc).
Similmente, gli altri settori della grande industria (non solo meccanica, ma anche manifatturiera, delle telecomunicazioni ecc) e le piccole e medie imprese subiscono la stessa sorte.
I lavoratori immigrati oltre al lavoro perdono anche il permesso di soggiorno, ritrovandosi nella condizione di clandestinità. I lavoratori precari sono i primi a fare le spese della chiusura degli stabilimenti: sono centinaia di migliaia i contratti di lavoro a tempo determinato che non sono stati rinnovati.
Nel 2009 la cassa integrazione ordinaria ha coinvolto milioni di lavoratori. Un numero sempre maggiore di aziende ricorre alla cassa integrazione straordinaria, precorritrice della mobilità e dei licenziamenti. La stessa cassa integrazione ordinaria, come dimostra la lotta dell'Alcoa, è percepita dai lavoratori come il primo segnale di un'accelerazione sul terreno dei licenziamenti. La disoccupazione nel 2009 ha superato il 9% su base nazionale (e si tratta di cifre ufficiali, quindi sottostimate). La pesante crisi e la necessità padronale di un attacco senza precedenti ai lavoratori per recuperare il saggio di profitto alimentano il conflitto sociale e rilanciano in tutta Europa una nuova stagione di lotte operaie.

 

Le politiche del governo Berlusconi ricadono sui lavoratori

Il governo Berlusconi ha potuto vincere grazie alla crisi del centrosinistra borghese sostenuto dalla cosiddetta sinistra radicale. Quest'ultima, con una politica opportunista di compromesso di classe tradottasi anche nel sostegno alla guerra imperialista e alle politiche economiche padronali, ha subito la sconfitta del suo progetto con la conseguente scomparsa dal Parlamento. In questo modo ha determinato un ulteriore indebolimento della classe lavoratrice, indebolimento a cui hanno contribuito i sindacati concertativi, e che ha favorito la propaganda del centrodestra. Il governo Berlusconi, attento sul piano sociale a soddisfare istanze costruite ad arte, come il bisogno di sicurezza e di ordine (con i conseguenti numerosi episodi di violenza razzista e i fenomeni, sempre più diffusi, di discriminazione razziale, terreno fertile per la propaganda della Lega Nord ma, in alcune città, anche di gruppi di stampo neofascista) sta mostrando un volto "decisionista" e reazionario, mentre sul piano istituzionale tende a rafforzare la figura del premier e a esautorare finanche le istituzioni rappresentative democratico‑borghesi. I contrasti all'interno della maggioranza di governo (Fini da una parte, Berlusconi dall'altra) non rappresentano altro che i conflitti interni alla grande borghesia italiana, i cui settori maggioritari non si sentono pienamente tutelati dal premier Berlusconi e preferirebbero un asse di governo allargato, da Fini, Casini e Bersani, se necessario fino all'Italia dei valori (che si ritaglia un ruolo di opposizione demagogica lucrando sulla oggettiva debolezza del PD ma sostenendo nei fatti politiche antioperaie e un programma economico liberista) e col sostegno esterno della neonata Federazione della sinistra (Ferrero, Diliberto, ecc). Agli occhi del padronato italiano un fronte di governo di questo tipo rappresenterebbe, in un momento di potenziale acuirsi del conflitto sociale, sia un temporaneo calmiere delle lotte, sia un governo più svincolato dagli interessi capitalistici personali del premier-imprenditore (le polemiche estive sulle escort e le abitudini sessuali del premier vanno lette in quest'ottica).
Di fatto il governo nella sostanza opera su un terreno già tracciato dal governo Prodi ‑ non a caso i programmi elettorali dei due schieramenti erano molto simili ‑ a dimostrazione che la grande borghesia richiede ai governi di centrodestra e di centrosinistra sostanzialmente le stesse ricette. Il governo Berlusconi ha elaborato una manovra finanziaria triennale che prevede 30-35 miliardi di tagli: sono in atto tagli alla scuola e all'università, alla sanità e al pubblico impiego (blocco del turn over, ricorso alla mobilità, sospensione delle stabilizzazioni e disoccupazione per i precari); i rinnovi dei contratti pubblici sono stati congelati e, con il decreto Brunetta, si introduce la possibilità di licenziare, a discrezione dei dirigenti, anche nel pubblico impiego; è stato elaborato un piano per lo "sviluppo" con nuove privatizzazioni, nuove liberalizzazioni (servizi pubblici locali) e l'introduzione del nucleare. Anche le politiche sociali sono basate essenzialmente sul taglio dei costi. La sanità sarà delegata ulteriormente alle regioni con il federalismo fiscale: gli ospedali verranno definitivamente trasformati in s.p.a. o in fondazioni, accelerando i processi di privatizzazione. Si avranno tagli per 7 miliardi per il fondo sanitario delle regioni 2010-2011, di 250 milioni di euro per il fondo sociale, un taglio di 550 milioni di euro per il piano casa e di 350 milioni di euro per i trasporti.
L'altra faccia dei tagli alla spesa in nome della "stabilizzazione della finanza pubblica" è rappresentata dalla politica di "incentivi allo sviluppo e alla crescita dell'economia". La borghesia italiana, così come ha sostenuto lo scorso governo di centrosinistra, ottenendo peraltro notevoli vantaggi attraverso la detassazione delle imprese e la concertazione, oggi detta l'agenda al governo di centrodestra (il quale ove serve non esita, per mano di Tremonti, a risanare le casse dello Stato con provvedimenti non particolarmente graditi alla grande borghesia nostrana - in quanto forieri di ulteriore competizione intercapitalistica - come lo scudo fiscale): aumento dell'età pensionabile; massima flessibilità del mercato del lavoro attraverso licenziamenti, precarietà; sostituzione della contrattazione nazionale con quella individuale e aziendale; detassazione a vantaggio dell'imprese; aiuti alle banche; nuove rottamazioni dei settori auto ed elettrodomestici; creazione di nuovi spazi di mercato attraverso la privatizzazione dei servizi, le grandi infrastrutture e rilancio del nucleare; incentivi per gli obblighi delle industrie sulle emissioni di CO2; svendita di Alitalia sulla pelle dei lavoratori. In questo solco si colloca l'accordo quadro sul nuovo modello contrattuale firmato il 22 gennaio 2009 (e ratificato il 15 aprile) dal governo, dalle associazioni padronali e da Cisl, Uil, Ugl, Confsal, Cisal, Sinpa.    
Di fronte allo scontro di classe che, con l'inasprimento della crisi, è destinato a crescere, padroni e governo hanno la necessità di mettere in discussione lo stesso diritto di sciopero (ddl Sacconi). Sacconi ed il governo hanno spiegato che il ddl riguarda solo il settore dei trasporti ma non è che l'inizio e questa norma vieta da subito tutte le forme di conflitto che si esprimano con il "blocco fisico" di siti, strade, aeroporti, ecc. Con misure come il referendum preventivo per le organizzazioni che sono al di sotto del 50% di rappresentatività, la dichiarazione preventiva di adesione allo sciopero, lo sciopero virtuale, l'allungamento degli intervalli tra uno sciopero e l'altro, le sanzioni per le violazioni delle regole, sarà impossibile scioperare, con una regressione rispetto alle limitazioni già presenti. Se associato al divieto di manifestare nel fine settimana e all'annunciato inasprimento delle sanzioni (prendendo a pretesto la farsesca "aggressione" al premier a Milano) relative alle "azioni di disturbo di manifestazioni politiche e sindacali", è evidente che siamo di fronte al tentativo da parte padronale di reprimere preventivamente le lotte operaie. Per questo, la classe operaia deve respingere da subito, con una lotta ad oltranza, i licenziamenti e l'attacco padronale, fino a ribaltare i rapporti di forza. Il procrastinare il conflitto favorendo la lenta e progressiva espulsione della classe operaia dai luoghi di lavoro - ciò che stanno facendo le burocrazie dei sindacati concertativi, quelle della Fiom incluse - significa togliere agli operai stessi le loro uniche armi di difesa: gli scioperi, i picchetti, le occupazioni, le azioni di massa prolungate.

 

L'azione del padronato e della burocrazia sindacale

L'accordo quadro firmato dal governo, dalle associazioni padronali e dai sindacati organici al governo delle destre (Cisl, Uil, Ugl, Confsal, Cisal, Sinpa) chiude la fase concertativa aperta il 23 luglio 1993, che ha fatto precipitare i salari italiani al livello più basso in Europa (e che ha visto come protagonista anche la stessa burocrazia Cgil, che oggi mima un'opposizione di facciata) e ne apre un'altra, che mira a distruggere la stessa contrattazione collettiva e il contratto nazionale (portato delle lotte operaie degli anni Sessanta e Settanta) sia nel settore pubblico che nel settore privato. A questo accordo si è arrivati dopo un anno di accordi separati da parte di Cisl, Uil e Ugl. Il testo dell'accordo si apre e si chiude con la richiesta di maggiore produttività ai lavoratori, meno diritti e meno salario. La gestione degli ammortizzatori è affidata agli enti bilaterali, garantendo per questa via la burocrazia sindacale complice del governo e del padronato. La durata dei contratti è ulteriormente estesa, tanto per la parte economica che per quella normativa.
Allo stesso tempo, la Cgil - che pure è stata esclusa dal tavolo della concertazione ed è stata costretta a collocarsi in una posizione di pseudo-opposizione - ha risposto all'attacco padronale con una riduzione delle mobilitazioni. E quando ha chiamato alla lotta lo ha fatto con la solita routine di scioperi puramente dimostrativi, mai protratti al di là di una o mezza giornata di astensione dal lavoro, senza mai dichiarare la volontà irrinunciabile a non sospendere la lotta fino al conseguimento di un qualche obiettivo, sia pur minimo, con mobilitazioni di piazza spesso ipocrite o farsesche. Scioperi vuoti di contenuti e di radicalità, che pesano sulle tasche dei lavoratori ma non hanno finora portato ad alcun risultato concreto. Questo metodo di lotta crea alla lunga frustrazione e stanchezza nel mondo del lavoro e viene utilizzato dalla direzione Cgil solo in funzione di riconquistare un ruolo egemone al tavolo della concertazione, oggi scalzato da Cisl e Uil. L'opposizione della Cgil al nuovo modello contrattuale non risulta credibile: continua a sostenere la subordinazione del salario alla produttività e alla redditività dell'impresa oltre che la triennalizzazione dei contratti, voluta da governo e Confindustria. Di fatto, la Cgil si limita a non rivendicare, formalmente, l'accordo, recependolo poi nella sostanza, così come è avvenuto e sta avvenendo per alcuni contratti firmati negli ultimi tempi (alimentaristi, chimici, telecomunicazioni).
A questo, bisogna aggiungere il ruolo svolto dalle direzioni burocratiche della Cgil - incluse quelle della Fiom - nelle lotte operaie che stanno sorgendo in questi mesi. Come sempre nella storia, quando la lotta di classe tende ad acutizzarsi, gli apparati dirigenti dei sindacati mirano a controllare le masse lavoratrici al fine di disarmarle. Questo è già evidente nelle prime lotte che stanno sorgendo in questi mesi, sulla spinta della crisi capitalistica. La generosa disponibilità alla lotta, dimostrata dagli operai di tante fabbriche, viene sistematicamente tradita dai dirigenti (e spesso dagli stessi delegati) della Fiom, che smobilitano le lotte in cambio di accordi al ribasso (accordi che prevedono cassa integrazione straordinaria, mobilità, esuberi con licenziamenti di massa, come nel caso della Tenaris a Dalmine). Oggi più che mai è evidente che non solo le burocrazie di Fim e Uilm, ma parimenti quelle della Fiom risultano sempre più un tappo all'esplosione di lotte operaie radicali e su larga scala. Rispondendo alla domanda di un giornalista che le chiedeva se temesse esplosioni di tensioni sociali come in Francia e Inghilterra, il presidente di Confindustria Marcegaglia ha così risposto: "la cassa integrazione si è rivelata utilissima (...) è giusto dare atto del senso di responsabilità con cui le aziende e a livello locale i sindacati hanno gestito la crisi. (...) La Cgil e la Fiom si stanno comportando bene, pure nelle zone considerate più calde: da Brescia a Reggio Emilia" (La Repubblica, 27/04/2009).
La logica che sta alla base del ricorso massiccio alla cassa integrazione (cassa integrazione ordinaria e straordinaria) è evidente, soprattutto ai padroni: preservare gli utili degli azionisti scaricando le spese sulla collettività, cioè ancora una volta sui lavoratori. Allo stesso tempo la cassa integrazione allontana i lavoratori dalle fabbriche, li isola, spezza quei legami minimi di solidarietà che si creano sui luoghi di lavoro e che servono per organizzare le lotte - si sta rivelando una manna dal cielo per i padroni. E' per questo che il decreto di Tremonti (estate 2009) potenzia questo strumento, insieme ai cosiddetti "contratti di solidarietà" (che liberano le aziende anche dall'onere di pagare ad ogni operaio il suo misero intero salario): 40 milioni di euro vengono stanziati per l'integrazione salariale per i contratti di solidarietà, 25 milioni per il rifinanziamento delle proroghe a 24 mesi della cassa integrazione straordinaria per cessata attività. Si tratta di provvedimenti che tradiscono le reali preoccupazioni di governo e padronato: il rischio di una crescita delle lotte è reale e quello che sta succedendo negli altri Paesi europei, dalla Francia all'Inghilterra alla Grecia, non fa dormire sonni tranquilli ai capitalisti e ai loro portavoce. Le occupazioni delle fabbriche cominciano a diventare un pericoloso spettro che s'aggira per l'Europa.

 

L'intervento sindacale del PdAC: la battaglia per il sindacato di classe

Ovviamente nessun sindacato, nemmeno un sindacato (e non esiste oggi in Italia) che si ponga esplicitamente il compito di abbattere il capitalismo, può sostituire il partito. Il modo stesso in cui avviene l'adesione a un sindacato - senza distinzioni tra attivisti e non attivisti, senza adesione a un programma - implica l'impossibilità che un sindacato si doti di un programma rivoluzionario compiuto. Inoltre, i sindacati raggruppano necessariamente una piccola parte della classe lavoratrice: gli strati più oppressi (e maggioritari) vengono trascinati nella lotta nei momenti di eccezionale risveglio. In questi casi sorgono organizzazioni che vanno oltre i sindacati: comitati di lotta, comitati di sciopero, comitati di fabbrica, ecc. In questi frangenti, i rivoluzionari devono sempre battersi per la costruzione di organizzazioni militanti indipendenti anche dagli stessi sindacati.
Ciò non toglie che è dovere di ogni comunista intervenire nei sindacati. Anzi, come spiega bene Trotsky nello scritto sui sindacati nell'epoca dell'imperialismo, oggi "l'intervento nei sindacati (...) diventa in un certo senso più importante che mai per un partito rivoluzionario (...) la posta in gioco è la lotta per l'influenza sulla classe operaia". Del resto la necessità che i rivoluzionari intervengano nei sindacati - finanche nei sindacati reazionari, era già stata posta ed elaborata da Lenin e ribadita dall'Internazionale comunista delle origini - con lo scopo di sottrarre ampi settori all'influenza delle burocrazie dirigenti.
E' a partire da questo patrimonio teorico, tattico e programmatico che il Partito di Alternativa Comunista - consapevole delle proprie poche, ma compatte, forze - ha elaborato e applicato una tattica di intervento sindacale che vede impegnati attivisti del Partito sia nella Cgil, sia nel cosiddetto sindacalismo di base (RdB, Conf. Cobas, SdL, Cub, Slai Cobas). Più in particolare, nella Cgil gli attivisti del PdAC sono collocati nella Rete 28 aprile (la componente di sinistra in Cgil, che al prossimo congresso sostiene un documento contrapposto a quello di Epifani facendo blocco con categorie come la Fiom, la Funzione pubblica, la Fisac bancari). In questa collocazione, la nostra battaglia si è fin dall'inizio articolata nella prospettiva della costruzione di un sindacato di classe, contro la linea concertativa e di collaborazione di classe della maggioranza, ma anche per una svolta nella Rete 28 aprile stessa in termini programmatici e organizzativi. I punti essenziali a cui si è da sempre ispirata la battaglia degli attivisti del PdAC in Cgil sono riassunti in un documento elaborato come contributo al dibattito congressuale nella Rete 28 Aprile dai nostri compagni insieme ad altri attivisti della Rete e diffuso lo scorso agosto in occasione di un incontro nazionale della Rete. Oggi quest'area è l'unica che, in vista del congresso nazionale della Cgil, ha proposto nella Rete 28 aprile una piattaforma antiburocratica e rivendicativa alternativa a quella proposta dal seconda documento che, sebbene alternativo a quello della maggioranza di Epifani, mantiene tutti i limiti di un'impostazione sindacale concertativa e annulla in prospettiva l'esistenza di qualsiasi opposizione interna alla Cgil.
Per quanto riguarda il sindacalismo di base, i militanti del nostro Partito sono stati fino ad oggi attivi in particolare (ma non esclusivamente) nella Confederazione Cub (la principale confederazione a sinistra della Cgil, di cui la parte maggioritaria è organizzata nel pubblico impiego come RdB-Cub). La Confederazione Cub ha conosciuto di recente un processo di scomposizione che ha portato a una frattura: la parte maggioritaria della Confederazione ha deciso di intraprendere un processo di unificazione con altri settori del sindacalismo di base (SdL anzitutto, ma anche Orsa e settori della Cub, in stretta interlocuzione con lo Slai Cobas), mentre una parte, minoritaria, è rimasta al di fuori da questo progetto. L'intervento degli attivisti di Alternativa Comunista si è caratterizzato per una battaglia per l'unificazione del sindacalismo di base, per la costruzione del sindacato di classe sulla base di una piattaforma rivendicativa anticapitalista, per la democrazia interna. In particolare, nella decisione di partecipare alla costituente del nuovo sindacato che nascerà dalla fusione tra i settori maggioritari della Cub e SdL, i nostri militanti hanno sottoscritto e condiviso un contributo diffuso da attivisti Cub di diverse categorie in occasione dell'assemblea nazionale costituente dello scorso maggio. Il documento ruota attorno ai seguenti assi: unità di tutto il sindacato di base, necessità di partecipare agli scioperi potenzialmente conflittuali indetti dai sindacati concertativi, necessità della battaglia per il sindacato di classe.
Il nostro impegno per la costruzione di un sindacato di classe e di massa nel nostro Paese continuerà, nella convinzione che sia necessario realizzare il coordinamento e l'unità d'azione del sindacalismo di base e dei settori classisti in Cgil. Oggi più che mai - di fronte agli attacchi sempre più pesanti del padronato, di fronte al licenziamento di milioni di lavoratori, di fronte all'inasprimento delle misure repressive nei confronti della classe lavoratrice - occorre battersi per sottrarre i lavoratori dal peso delle burocrazie dei sindacati concertativi e dal settarismo spesso presente nel sindacalismo di base, premesse per la costruzione di un sindacato che sia espressione della contrapposizione delle masse lavoratrici contro il capitale (cioè basato sull'indipendenza di classe dalla borghesia, dal suo Stato, dai suoi governi); che faccia della lotta ad oltranza lo strumento privilegiato del suo operare; che miri al rovesciamento degli attuali rapporti di forza, a partire dalla difesa degli interessi della classe lavoratrice. A questo scopo, fin da subito occorre sostenere e coordinare le lotte operaie in corso.

 

Lo sviluppo delle lotte operaie: una campagna per l'occupazione delle fabbriche, per i comitati di lotta, per l'autodifesa dei lavoratori

Le esperienze più avanzate di conflitto di classe - dalla Francia alla Grecia (dove, oltre alle violenze di piazza, gli scioperi prolungati sono all'ordine del giorno) - rappresentano un serio avvertimento agli occhi dei capitalisti. Nonostante lo sforzo della propaganda padronale di occultare i fenomeni, seppure per ora isolati e frammentari, di lotta di classe in Italia (da Pomigliano a Termini Imerese, dall'Alfa di Arese all'ex Eutelia), l'esperienza degli ultimi mesi dimostra che il conflitto operaio ha una grande capacità di contagio. La stessa lotta operaia all'Innse di Milano, con un anno di occupazione degli stabilimenti, dimostra che le esperienze di lotta di classe possono estendersi in modo relativamente rapido. Infatti, il diffondersi su larga scala della pratica di "occupare i tetti" delle fabbriche - benché si tratti di un atto meramente dimostrativo - indica che tra la classe operaia comincia a diffondersi, confusamente, la consapevolezza che solo con la lotta è possibile difendere il posto di lavoro. Un primo salto di qualità si è avuto, anche in Italia, con la lotta degli operai dell'Alcoa in Sardegna: all'annuncio della decisione dell'azienda di dare il via alla cassa integrazione guadagni, gli operai - ormai consapevoli che la cig è sempre più spesso l'anticamera della disoccupazione - hanno occupato la fabbrica e "sequestrato" i manager, imponendo le loro condizioni ai padroni. Anche negli stabilimenti della Fiat a Termini Imerese, così come in quelli dell'Alfa di Arese, sono in corso lotte ad oltranza: a Termini Imerese è stato annunciato lo sciopero prolungato e l'occupazione degli stabilimenti. Non è da escludersi che nella prossima fase assisteremo all'estensione del fenomeno delle occupazioni. Si tratta, per ora, di episodi solo isolati e frammentari, privi di un coordinamento nazionale (e internazionale), assolutamente inadeguati a respingere la pesantezza dell'attacco padronale. Tuttavia, sono episodi che preoccupano, a ragione, il padronato, che vede in essi la possibile scintilla di un conflitto di più ampie dimensioni (e per questo si prepara a farvi fronte, inasprendo le politiche repressive). L'acutizzarsi della lotta di classe implicherà l'acutizzarsi dei metodi di contrattacco da parte del capitale. Dovremo aspettarci pesanti contromisure da parte della borghesia. L'istituzione delle ronde, l'utilizzo dei vigilantes privati in funzione repressiva (v. caso Eutelia) non sono che i primi segnali di un fenomeno che nella storia si è ripetuto più volte, dimostrando la correttezza di quanto sostenuto da Trotsky nel Programma di transizione: "la borghesia non si accontenta mai della polizia e dell'esercito ufficiali" e non esita a utilizzare milizie private.
E' necessario che il partito avvii fin da subito una campagna per l'occupazione delle fabbriche: "Le occupazioni delle fabbriche da parte degli operai in sciopero (...) vanno oltre i limiti del 'normale' andamento del capitalismo. Indipendentemente dalle rivendicazioni degli scioperanti, l'occupazione temporanea delle fabbriche sferra un duro colpo alla sacralità della proprietà capitalistica. Ogni occupazione pone all'ordine del giorno la domanda su chi deve comandare nella fabbrica: il capitalista o il lavoratore?" (Programma di transizione). Allo stesso tempo, occorre lanciare fin da subito - nella prevedibile estensione delle occupazioni - una campagna per la costituzione di comitati di lotta di fabbrica e territoriali, coordinati a livello nazionale e internazionale. I comitati dovranno essere eletti da tutti i lavoratori della fabbrica, superando la limitatezza delle attuali rappresentanze sindacali (di fatto controllate dalle burocrazie dei sindacati concertativi e svincolate dal controllo operaio). E' altrettanto necessario organizzare fin da subito l'autodifesa delle lotte, creando - in ogni fabbrica in mobilitazione - squadre di autodifesa, a partire dai picchetti di sciopero.

 

La crisi storica del riformismo

Il riformismo è, per sua natura, incapace di offrire risposte progressive ai bisogni delle classi subalterne, ciò è tanto più evidente in fase di crisi economica. E' questa, in sostanza, la causa della crisi storica che si è abbattuta su tutta la sinistra socialdemocratica italiana che, dopo due anni di partecipazione al governo di collaborazione di classe capeggiato da Prodi, ha vissuto due potenti sconfitte elettorali e un tracollo politico ed organizzativo.
Parlare di crisi storica della socialdemocrazia non significa illudersi che i partiti e i gruppi socialdemocratici si scioglieranno come neve al sole di fronte al capitalismo in agonia. Certo oggi è in crisi perché non ha nulla da "redistribuire", ma dispone ancora di risorse e mezzi (che la borghesia più scaltra non le fa mancare) per spargere nuove illusioni tra i lavoratori e cercare così di riguadagnare - nell'aggravarsi dello scontro di classe - un ruolo come pompiere delle lotte. I dirigenti socialdemocratici storicamente svolgono una funzione preziosa nel preservare il sistema dominante, rinviando, frazionando, depotenziando le lotte e conducendole, quando comunque esplodono, al tavolo delle trattative per ottenere qualche irrilevante concessione, subito spacciata come una "significativa vittoria".
Le "svolte a sinistra" impresse nel 2008 dai congressi del Pdci e del Prc non sono state altro che il tentativo di simulare - nelle condizioni date di forzata ricollocazione all'opposizione - un riavvicinamento ai lavoratori e alle loro esigenze. Si è trattato di svolte finte in quanto non è minimamente mutato l'orizzonte riformista e governista di entrambi i partiti. Tanto il Prc come il Pdci hanno continuato a governare con il Pd in regioni, province e comuni di mezza Italia e nuove alleanze sono in campo per la prossima tornata amministrativa. Nelle intenzioni dei gruppi dirigenti, la collocazione all'opposizione era - e le ultime dichiarazioni di Ferrero lo dimostrano - da intendersi solo come una parentesi, mentre l'obiettivo vero resta quello di ricostruire una futura alleanza di governo con la cosiddetta borghesia progressista e con il suo partito liberale di riferimento, il Pd. La scissione avvenuta nel Prc da parte dell'area congressuale che fa capo a Vendola (Sinistra e Libertà, ora Sinistra, ecologia, libertà dopo la frattura coi Verdi) si è giocata non tanto su questioni strategiche, ma su come perseguire l'obiettivo di ricomporre una alleanza di governo con la sinistra liberale, e cioè se esercitare una pressione sul Pd direttamente come sua appendice (Vendola) o esercitarla sotto la "pressione dei movimenti" (Ferrero).
Il vero significato dell'ennesima presunta svolta a sinistra del Prc, dopo il magro risultato raccolto in occasione delle elezioni europee e amministrative del 2009 con la candidatura indipendente (candidatura indipendente solo in alcune città e province), è emerso in una recente intervista di Ferrero a Repubblica, titolata significativamente "Pronti ad accettare Casini premier, pur di battere la destra di Berlusconi". Ferrero offre la disponibilità del Prc a suggellare un vero patto di governo con il partito dell'alternanza borghese al centrodestra, il Pd, il terzo accordo (dopo i disastri del Prodi I e del Prodi II). Non un accordo momentaneo, ma un accordo per tutta la legislatura. Ferrero si dice anche disponibile a sostenere la candidatura di Casini a Premier. E' ovvio che si tratta di un annuncio importante in vista della prossima tornata elettorale: il Prc, in crisi di militanza, ha deciso - come già ha annunciato - di dare nuova prova di affidabilità proponendosi per un'alleanza elettorale con Pd, IdV e Udc già in occasione delle imminenti elezioni regionali.
In definitiva, quindi, la politica perseguita dai riformisti - anche quando non sono al governo - resta una politica governista: la collaborazione di classe è l'elemento senza cui il riformismo non esisterebbe e senza cui le burocrazie non potrebbero preservare i loro piccoli o grandi privilegi, strettamente legati a questa società e dunque all'illusione, che spargono a piene mani, che possa essere riformata e governata diversamente.

 

Il centrismo in difficoltà

I gruppi centristi vivono un momento di difficoltà. Nel Pcl di Ferrando, essendo un'organizzazione costruita sulla confusa sommatoria di opzioni differenti (inclusi nostalgici del Pci togliattiano, fans di Chavez, ecc.), in cui l'unico collante è dato dalla centralità del capo e da un confuso riferimento al "comunismo", il richiamo della "svolta a sinistra" del Prc ha esercitato una comprensibile attrazione per la gran parte gli attivisti. Si tratta di un'organizzazione basata solo sulla ricerca di spazi mass-mediatici: si vedano i grotteschi appelli a Berlusconi e Fini perché "prendano le distanze" dalla Mussolini; la partecipazione alle manifestazioni di Di Pietro; fino all'implicita esaltazione del ruolo di "ministro della Repubblica" e agli appelli alla magistratura borghese. Il Pcl si basa su una concezione "lassa" di partito, su una struttura di tipo "menscevico" che raccoglie senza distinzioni di ruoli, e non distingue, nell'assenza di una democrazia leninista, tra militanti, attivisti e simpatizzanti. La proposta centrale del Pcl rimane oggi quella del "parlamento delle sinistre". Cosa sia esattamente questo "parlamento", quale lo scopo, a chi sia rivolto, chi dovrebbe farne parte, sono interrogativi su cui vige il massimo riserbo.
Diverso il discorso per Sinistra Critica. Sc riconosce oggi, nei testi del recente congresso, che "dall'uscita dal Prc ci aspettavamo di più" e che la situazione non è rosea. I documenti congressuali affermano una serie di cose abbastanza generiche sull'analisi del mondo. Il problema concerno ciò che manca nella proposta politica e strategica. E' rimossa la necessità di costruire un partito; è escluso il concetto di programma transitorio per guadagnare le masse a una prospettiva di potere dei lavoratori. E queste due mancanze (partito, programma) ben si combinano con la permanente confusione centrista sulla questione del potere (non vi è ombra di autocritica sul sostegno accordato a Prodi per un lungo periodo da Turigliatto). A ciò si aggiunga che sulla necessità di un partito comunista internazionale Sc fa un ulteriore passo indietro: non è più (come anche l'Npa di Besancenot in Francia) sezione del Segretariato Unificato (organizzazione che va verso un sostanziale scioglimento e rimarrà solo come rete di informazione). In definitiva, Sc ha rimosso i pilastri di un autentico partito comunista: programma transitorio, potere operaio, internazionale.

 

Il PdAC come strumento per la costruzione di un più grande partito comunista

Il Pdac non ha mai sofferto di manie di autosufficienza o di grandezza e non ha quindi mai avuto la pretesa di essere, da solo, la risposta all'esigenza di costruire quel più grande e radicato partito comunista che possa risolvere la crisi storica di direzione del proletariato e, con essa, la crisi stessa dell'umanità, che è dovuta in ultima istanza al divario tra la maturità delle condizioni oggettive per la rivoluzione e l'immaturità delle condizioni soggettive. Fin dalla nostra recente nascita (gennaio 2007) abbiamo concepito il Pdac come uno strumento nella prospettiva di costruzione di un nuovo partito rivoluzionario; ciò nel quadro della medesima battaglia condotta, sul piano internazionale, dalla Lit, per la ricostruzione della Quarta Internazionale.
E' per questo motivo che siamo sempre stati disponibili a contribuire a un processo di ricomposizione che veda protagonisti militanti di diversa provenienza che, sulla base del presupposto dell'indipendenza dalla borghesia e dai suoi governi, sviluppino una comune condivisione di un rinnovato programma dei rivoluzionari per l'oggi. Consapevoli dei tanti nostri limiti, che non ci permettono di avere ancora una struttura adeguata ad affrontare un'ascesa delle lotte operaie, possiamo però registrare i passi avanti compiuti in questi primi due anni. Alla diffusione territoriale del nostro partito si è accompagnato un irrobustimento delle nostre - certo ancora fragili e povere di risorse - strutture periferiche. Sulla base di principi chiari tanto in campo politico come organizzativo (essendo le due cose strettamente intrecciate), abbiamo proseguito nel difficile lavoro di costruzione di un partito di militanti inseriti nelle lotte. Oggi vediamo i primissimi frutti di questo impegno. L'incoraggiante risultato quantitativo e qualitativo dei seminari nazionali di formazione; l'ingresso nel partito di nuovi militanti, specialmente giovani e giovanissimi; la partecipazione visibile e riconoscibile nella gran parte delle manifestazioni e scioperi delle nostre Sezioni; il nostro ruolo di avanguardie in molte delle lotte di questi mesi (dalle lotte nel pubblico impiego a quelle dei precari della scuola, dalle lotte operaie della Ba.rsa al radicamento operaio a Latina, ecc); il nostro ruolo riconosciuto nella costruzione di aree classiste nella rete 28 aprile in Cgil e nella Costituente del sindacalismo di base sono la migliore riprova che se la strada è ancora lunga, la direzione di marcia è quella giusta.
I passi avanti compiuti anche dalla Lit-Quarta Internazionale (e registrati al congresso mondiale) non possono che favorire, nello stretto intreccio della costruzione nazionale e internazionale (a partire dal comune lavoro in Europa delle Sezioni della Lit), l'ulteriore rafforzamento del Pdac, tanto più perché la prossima fase, in Italia come in Europa e nel mondo, sarà contrassegnata da un acuirsi dallo scontro di classe, da una ripresa delle lotte che in alcuni Paesi - Grecia, Francia, ecc. - costituisce già una vera e propria ascesa (mentre in altri come in Italia è solo agli inizi).

 

I compiti della prossima fase e la nostra piattaforma rivendicativa

Nel quadro politico qui delineato, il PdAC presenta una piattaforma rivendicativa transitoria, per un intervento finalizzato alla costruzione di un percorso di lotte che porti al rovesciamento degli attuali rapporti di forza tra le classi:

 

  • Per la difesa del diritto di sciopero e di manifestazione! No alla repressione delle lotte! La cancellazione di fatto del diritto di sciopero nel settore dei trasporti, con l'imposizione del referendum per le organizzazioni che sono al di sotto del 50% di rappresentatività, la dichiarazione obbligatoria di adesione allo sciopero, lo sciopero virtuale, l'allungamento degli intervalli tra uno sciopero e l'altro, le sanzioni per le violazioni delle regole; il divieto di manifestare nei fine settimana nei centri storici delle città; l'annunciato ulteriore inasprimento delle misure repressive nei confronti di ogni manifestazioni di dissenso; l'istituzione delle cosiddette ronde sono solo l'anticipo di altri attacchi preventivi di governo e padronato, in vista di una stagione di lotte che si annuncia sullo sfondo della crisi capitalistica. Non è un caso che il ddl Sacconi - che ha ricevuto il via libera di Cisl e Uil - vieti da subito tutte le forme di conflitto che si esprimano con il "blocco fisico" di siti, strade, aeroporti, ecc. Il PdAC si oppone a tutte queste misure e contribuisce alla costruzione dell'autodifesa operaia contro la repressione padronale.
  • Per la difesa dei diritti democratici e delle conquiste sociali degli operai, della laicità e delle libertà individuali! Il PdAC difende i diritti democratici e le conquiste sociali della classe operaia, che, in questa fase di capitalismo in decadenza, vengono continuamente messi in discussione dalla borghesia e dai suoi governi: ingerenze del Vaticano nelle questioni che riguardano interruzione di gravidanza, eutanasia, diritti delle donne; violazione sistematica del diritto di manifestazione e della libertà di opinione (in relazione, ad esempio, all'impossibilità di mettere in discussione lo Stato d'Israele), ecc.
  • Forti aumenti salariali per tutti! Scala mobile dei salari e delle ore lavorative! Fin da subito, salario sociale, pagato coi profitti dei padroni, equivalente al salario medio, per tutti i disoccupati!  Il PdAC rivendica lavoro e condizioni di vita dignitose per tutti e, per questo, respinge gli accordi concertativi tra organizzazioni sindacali, governo e padronato: sono accordi che hanno il solo intento di depredare la classe lavoratrice a vantaggio della borghesia. I contratti collettivi devono assicurare l'aumento automatico dei salari in relazione all'aumento dei prezzi dei beni di consumo. Contro la disoccupazione, sia "strutturale" che "congiunturale", il PdAC avanza la parola d'ordine della scala mobile delle ore lavorative: tutto il lavoro disponibile deve essere diviso tra tutti gli operai, in relazione alla durata della settimana lavorativa e a parità di salario. I salari, con un minimo rigorosamente garantito, devono essere adeguati all'andamento dei prezzi (scala mobile). Fin da subito, in vista del riassorbimento di tutta la disoccupazione, deve essere garantito un salario sociale ai disoccupati pari al salario medio, pagato con la redistribuzione dei profitti dei padroni.
  • Riduzione dell'età pensionabile per uomini e donne! Aumento automatico delle pensioni in relazione al carovita! I governi di entrambi gli schieramenti hanno accelerato sul terreno dell'aumento dell'età pensionabile (da ultimo, l'innalzamento a 65 anni l'età pensionabile delle donne nel pubblico impiego: proposta che non tiene conto che le donne svolgono di fatto, non retribuite, una doppia attività lavorativa con la cura dei figli e della casa). Il PdAC respinge questi attacchi e rivendica la riduzione dell'età pensionabile - a partire dalle donne, prime vittime dello smantellamento delle strutture pubbliche, asili, mense ecc -, l'aumento automatico delle pensioni in relazione all'aumento dei prezzi dei beni di prima necessità, pensioni dignitose per tutti.
  • Assunzione a tempo indeterminato di tutti i lavoratori precari! Sono centinaia di migliaia i lavoratori precari che, negli ultimi due anni, hanno perso il posto di lavoro per il mancato rinnovo dei contratti. Nella scuola pubblica in tre anni è prevista la perdita di oltre 150 mila posti di lavoro, che in gran parte si sta traducendo nel licenziamento di lavoratori precari. Oggi si raccolgono i frutti amari di un decennio di leggi precarizzanti, volute dai governi di entrambi gli schieramenti (si pensi al famigerato Pacchetto Treu del centrosinistra, votato anche dal Prc, che ha aperto la strada, nel 1997, all'utilizzo su larga scala dei contratti precari, e alla legge Biagi del centrodestra). Il PdAC rivendica l'assunzione immediata di tutti i lavoratori precari a tempo indeterminato, unica garanzia per evitare che questi lavoratori si trasformino in disoccupati. Il posto fisso di lavoro è un diritto elementare che il capitalismo non è in grado di garantire. Per questo, tale parola d'ordine si coniuga per noi con l'abbattimento del capitalismo e con la rivendicazione di un altro sistema economico e sociale.
  • Permesso di soggiorno e cittadinanza per tutti gli immigrati, con pari diritti politici e sociali dei lavoratori italiani! Di fronte alla recrudescenza delle politiche di esclusione e intolleranza razziale, a partire dalle leggi Turco-Napolitano e Bossi-Fini e dai recenti provvedimenti sulla "sicurezza" di Amato e Maroni, fino alla istituzione delle "ronde", i lavoratori immigrati pagano per primi i costi della crisi. Il PdAC difende il diritto degli immigrati al permesso di soggiorno, alla cittadinanza, a un posto di lavoro, a salari dignitosi, all'autodifesa organizzata per respingere gli attacchi razzisti e xenofobi sia che provengano da squadre razziste che dalle forze dell'ordine borghese. Rivendica per gli immigrati gli stessi diritti dei lavoratori nativi, sia sul terreno dei diritti politici e civili, che su quello dei diritti sociali.
  • Trasporti, scuola, sanità e previdenza pubblici e gratuiti! Per il diritto alla casa, riduzione e blocco degli affitti, requisizione delle case sfitte ed esproprio delle grandi proprietà immobiliari! Il diritto a trasporti pubblici e gratuiti e quello a una casa sono diritti minimi, che il sistema capitalistico non garantisce ai lavoratori. Per garantirli è necessario: avviare un piano di completa statalizzazione del sistema dei trasporti, da affidare alla diretta gestione dei lavoratori; riduzione e blocco degli affitti; requisire le case sfitte ed espropriare le grandi proprietà immobiliari, ridistribuendole a lavoratori e disoccupati - nativi o stranieri - sotto il controllo di comitati popolari.
  • Per il diritto alla salute nei luoghi di lavoro, contro il degrado ambientale e le fonti di inquinamento! La corsa ai profitti e alla riduzione dei costi si traduce, nell'epoca del capitalismo in putrefazione, in devastazione dell'ecosistema e peggioramento delle condizioni di lavoro (come dimostra tragicamente il fenomeno dei morti sul lavoro). La crisi del capitalismo accentua la distruzione e il degrado ambientali, rende più pericolosi e malsani i luoghi di lavoro. Rivendicare una gestione della produzione e dell'economia compatibile con il rispetto dell'ambiente e della salute significa porsi nell'ottica della costruzione di un'economia pianificata, sotto controllo dei lavoratori, che sappia conciliare sviluppo delle forze produttive e tutele.
  • No alla cassa integrazione ordinaria e straordinaria, precorritrici in questa fase della mobilità! Nessun lavoratore deve essere licenziato: le ristrutturazioni aziendali le paghino i padroni ridistribuendo i profitti! Occupazione delle fabbriche che chiudono e licenziano! Il diritto al lavoro è un diritto elementare, che il capitalismo nella sua fase di decadenza non garantisce. I milioni di disoccupati e di cassa integrati destinati alla disoccupazione dimostrano l'assurdità del sistema capitalistico che, nonostante lo sviluppo delle forze produttive, riduce alla miseria milioni di persone. La cassa integrazione - ordinaria e straordinaria - costituisce un mezzo per preservare i profitti dei padroni e metterli a riparo da rischi di mercato o fallimenti scaricando i costi delle ristrutturazioni sulle spalle della collettività, cioè, ancora una volta, sui lavoratori (costretti tra l'altro a sopravvivere con un poche centinaia di euro al mese, spesso nemmeno elargite). Il PdAC rivendica il diritto al lavoro e a un salario dignitoso per tutti; respinge i tentativi di scaricare i costi della crisi sulle spalle dei lavoratori; sostiene i lavoratori che occupano le fabbriche in crisi.
  • Costruzione in tutte le fabbriche in mobilitazione di comitati di fabbrica, coordinamento degli stessi a livello regionale, nazionale e internazionale! Per la costruzione di comitati di lotta! Il PdAC sostiene la costruzione di comitati di fabbrica in tutte le aziende i cui lavoratori sono in mobilitazione. I comitati dovranno essere eletti da tutti i lavoratori della fabbrica, superando la limitatezza delle attuali rappresentanze sindacali (di fatto controllate dalle burocrazie dei sindacati collaborazionisti e svincolate dal controllo operaio). E' necessario superare l'isolamento e la frammentazione delle lotte, favorendo il coordinamento - sia su scala regionale che nazionale e internazionale - delle lotte operaie. Nella previsione di un' ulteriore crescita delle lotte operaie, il PdAC si impegna a favorire la costruzione di strutture di coordinamento delle lotte, di comitati di lotta territoriali, nella prospettiva - se si aprirà una fase apertamente rivoluzionaria - di organismi di potere operaio  ("soviet").
  • Organizzazione dell'autodifesa operaia attiva - a partire dai picchetti di sciopero - contro gli attacchi delle forze dell'ordine borghese, dell'esercito, delle "ronde" per la sicurezza, delle milizie private della borghesia, dei gruppi neofascisti. I capitalisti non dimenticano le lezioni del passato: sanno che, in un momento storico in cui non hanno "briciole" da distribuire, la lotta di classe può trasformarsi in conflitto acceso (come in Grecia). Anche in vista di una prevedibile ulteriore recrudescenza autoritaria e repressiva da parte borghese, è necessario costruire quella direzione rivoluzionaria che organizzi - a partire dai picchetti di sciopero e dai comitati di lotta - la difesa operaia e proletaria delle manifestazioni, dei partiti operai, delle strutture di lotta, legandola anche ai tentativi di autodifesa delle comunità immigrate. Il PdAC si fa promotore, nelle fabbriche, di squadre operaie  per la difesa delle lotte. Il PdAC rifiuta qualsiasi utilizzo individuale della violenza: gli atti di terrorismo individuale ostacolano il radicamento del partito tra le masse (come dimostra l'esperienza italiana degli anni Settanta) e sono per questo in contraddizione col marxismo rivoluzionario. 
  • No ai finanziamenti a banchieri e capitalisti! Abolizione del segreto commerciale! Apertura dei libri contabili delle banche e delle aziende! Di fronte al collasso del sistema industriale e creditizio, i governi, mentre tagliano la spesa pubblica (scuola, sanità, ecc) "per la situazione di emergenza" rispondono regalando altri miliardi a banchieri e capitalisti, cioè ai responsabili di questo disastro economico e sociale. Il PdAC respinge questo affronto alla classe lavoratrice. Gli operai hanno il diritto di conoscere i conti delle fabbriche e delle società per azioni, così come di tutti i rami dell'economia nazionale. I compiti immediati del controllo operaio dovranno essere: esibire crediti e debiti di aziende e banche; stabilire, in funzione della redistribuzione sociale, le quote di reddito nazionale di cui si sono appropriati i vari capitalisti (a partire da quelli che annunciano fallimenti e conseguente smantellamento delle aziende); mostrare gli affari occulti e le truffe delle banche e dei gruppi capitalistici; svelare, in definitiva, agli occhi delle masse il carattere contraddittorio dell'economia capitalistica.
  • Le aziende che licenziano o chiudono e le banche in crisi devono essere espropriate e poste sotto il controllo dei lavoratori! Rivendichiamo l'esproprio - senza indennizzo e sotto controllo dei lavoratori - delle aziende che chiudono e licenziano, delle industrie in crisi che sono vitali per la sopravvivenza della nazione, dei gruppi parassitari coinvolti in truffe e falsi in bilancio. Allo stesso tempo, lanciamo la parola d'ordine dell'esproprio delle banche private e la costruzione di una banca unica di Stato che possa garantire i risparmi dei lavoratori e migliori condizioni di credito per i piccoli artigiani, i commercianti, i contadini.
  • Lotta contro le guerre imperialiste! Ritiro immediato di tutte le truppe di occupazione! Chiusura delle basi militari e loro conversione ad uso civile! Confisca dei profitti delle missioni militari ed esproprio dell'industria bellica! La guerra è un grande affare commerciale per i gruppi capitalistici che controllano l'industria bellica. Anche in vista del prevedibile acutizzarsi delle tensioni interimperialistiche, occorre sottrarre dalle mani degli avidi capitalisti la possibilità di decidere dei destini dei popoli. Non un uomo né un soldo per i governi dei padroni! No alle spese militari dei governi di entrambi gli schieramenti. Sì a un programma sociale di opere pubbliche! Chiusura delle basi militari e loro conversione ad uso civile! Esproprio dell'industria bellica, confisca dei profitti delle missioni militari (a partire da quelli dell'Eni), ritiro immediato delle truppe d'occupazione in Afghanistan, Libano, ecc.
  • Per un'economia socialista pianificata, unica soluzione alla crisi capitalistica! Le premesse oggettive della rivoluzione socialista hanno raggiunto il massimo sviluppo possibile in un contesto capitalistico. Senza una rivoluzione socialista nel prossimo periodo storico una catastrofe minaccia l'umanità. Solo un'economia pianificata, sotto controllo dei lavoratori, può salvare l'umanità dalla spirale di guerra e miseria in cui il capitalismo la sta trascinando.

Nel loro insieme queste rivendicazioni presuppongono un governo dei lavoratori per i lavoratori che avvii il superamento di questo sistema economico capitalistico e la costruzione di uno Stato operaio e socialista.

I MARXISTI E LA CRISI DEL CAPITALISMO

Documento sull'analisi economica della fase

 

Ne Il Capitale, la sua opera più importante dedicata allo studio dell'economia capitalistica, Marx analizza i tratti fondamentali delle crisi cicliche del capitalismo:
1) Il capitalismo si caratterizza per essere un'economia che produce merci; ovvero, valori destinati alla vendita sul mercato.
2) Nella produzione di merci, solo la forza-lavoro crea valore nuovo. I macchinari e le materie prime si limitano a restituire il loro valore consumato.
3) Per questo, Marx distingue l'investimento che effettua la borghesia in capitale variabile o "v" (salari per acquistare forza-lavoro) e capitale costante o "c" (per l'acquisto degli altri fattori produttivi).
4) I capitalisti si appropriano di una frazione del valore nuovo prodotto dalla forza-lavoro poiché retribuiscono solo una parte di esso, corrispondente al salario. Questa frazione non retribuita Marx la chiama plusvalore.
5) Il plusvalore si estrae dalla produzione e si realizza sul mercato con la vendita delle merci diventando così la fonte del profitto dei capitalisti (l'aumento del capitale investito attraverso la capitalizzazione del plusvalore).
6) I capitalisti misurano il risultato dei loro investimenti attraverso il tasso di profitto. Ovvero, l'aumento del capitale investito dopo la chiusura del circolo produzione-vendita-capitalizzazione del plusvalore.
7) La concorrenza porta i capitalisti ad investire in maniera crescente nei macchinari e nella tecnologia per produrre di più e a minor costo. Cioè, tendono ad aumentare la parte del capitale costante (c) e a diminuire quella del capitale variabile (v). Queste diverse relazioni tra c e v determinano quella che Marx definisce la composizione organica del capitale.
8) L'aumento della parte di capitale costante permette, nella fase iniziale, un aumento del tasso di profitto. Questi elementi (aumento simultaneo degli investimenti e del tasso di profitto) costituiscono i tratti centrali della fase ascendente dei cicli dell'economia capitalista.
9) Successivamente, tuttavia, il tasso di profitto comincia a diminuire, in un processo che Marx studia nella sua legge della caduta tendenziale del saggio di profitto.
10) Con la caduta del tasso di profitto, i capitalisti cominciano a diminuire i propri investimenti. Si manifesta così il punto di svolta che inizia la fase discendente dei cicli economici (o crisi ciclica). Le crisi economiche sono, dunque, intrinseche al sistema capitalistico e alla sua struttura di funzionamento.
11) Con l'inversione di tendenza, la caduta del tasso di profitto è l'essenza di tutte le crisi capitalistiche. Tuttavia, questa essenza si rende visibile attraverso la forma di una crisi di sovrapproduzione, ovvero, cominciano ad apparire merci che non trovano sbocchi sul mercato, non trovano acquirenti. L'avvento del capitale finanziario, in epoca imperialistica, ha fatto si che certe crisi possano manifestarsi dapprima come crisi finanziarie, cioè, nel mercato dei capitali, o combinandosi tra queste e la sovrapproduzione di merci. Ma in tutti i casi, la fonte di tutte le crisi è la caduta del saggio di profitto.
12) Allo stesso tempo, le stesse crisi generano meccanismi per superare, per un periodo, le cause che le provocano: distruzione di capitali (serrate di imprese) e diminuzione di salari col ricatto della disoccupazione, aumentando così il tasso di plusvalore estratto dalla forza-lavoro. Inoltre, il capitalismo ha dato vita a tutta una serie di altri meccanismi per attenuare o evitare la caduta del tasso di profitto: centralizzazioni sempre più grandi delle imprese, sfruttamento di altri Paesi, l'intervento dello Stato ecc. Tuttavia, l'unico dispositivo che può sostenere il tasso di profitto in maniera consistente è l'aumento del plusvalore assoluto, cioè un aumento dei ritmi di produzione e di sfruttamento dei lavoratori più grande dell'investimento totale del capitale.

 

L'ANALISI FATTA DA MARX DELLE LEGGI FONAMENTALI CHE REGOLANO IL CAPITALISMO SONO ATTUALI PIU' CHE MAI E CI AIUTANO, FUORI DA OGNI VISIONE IMPRESSIONISTA, A CAPIRE GLI SCONVOLGIMENTI CHE STANNO ATTRAVERSANDO L'ECONOMIA MONDIALE

La crisi che sta travolgendo ormai da quasi due anni l'economia capitalista a livello mondiale sta facendo piazza pulita di tutte le teorie che, in special modo dopo il crollo del muro di Berlino, prevedevano che il capitalismo sarebbe stato l'unico sistema politico, economico e sociale in grado di garantire il benessere per l'intera umanità.
Oggi vediamo quanto quegli auspici fossero falsi, quanto quella pressante propaganda fosse basata su una errata interpretazione della realtà. I fatti parlano chiaro. Nessun ramo dell'economia è esente dalla crisi che infatti ha colpito sia la finanza che la produzione vera e propria. Non solo il capitalismo "anglosassone", quello che normalmente viene considerato maggiormente speculativo e ultraliberale, ma anche quello tradizionalmente chiamato "renano" - e che secondo qualcuno dovrebbe essere più attento alla giustizia e alla pace sociale (caratteristico dell'Europa continentale) - ha dimostrato il suo fallimento.
Sono fallite o sono in enorme difficoltà non solo le banche che più hanno fatto uso degli strumenti tipici della finanza creativa (Merryl Linch, Lehman Brothers) ma anche quelle che si pregiavano di seguire un'impostazione più classica, prudente, nei loro affari (come la banche italiani, francesi e tedesche).
Stiamo assistendo al crollo della produzione e degli investimenti sia nei settori più "maturi" dell'economia di mercato (produzione acciaio, elettrodomestici, auto ecc.) sia in quelli innovativi, che fino a qualche tempo fa venivano indicati come la base per garantire una crescita senza fine dell'economia (internet, telecomunicazioni, software e hardware informatico, ecc.).
Il fatto che la crisi, come detto in precedenza, sia globale, abbia colpito le maggiori potenze imperialiste, così come i Paesi in via di sviluppo o i cosiddetti Bric (brasile, Russia, India Cina), che, pur avendo inizio nel settore immobiliare americano, non sia stata circoscritta ad esso, ma si sia rapidamente propagata ai mercati azionari, alla finanza e alla produzione manifatturiera dimostra come oggi ci troviamo di fronte ad una crisi del capitalismo nel suo complesso.
Negli ultimi tempi, tuttavia, si comincia a sentire qualche voce ottimista sul futuro. L'amministratore delegato della Fiat, ad esempio, ha detto che il peggio è alle spalle. Alcuni dati statistici (contenuti aumenti del Pil negli ultimi trimestri 2009 in Usa e altri Paesi) sembrano suffragare questi auspici. Tuttavia, a un'analisi più accurata, possiamo affermare che questi dati non indicano l'inizio di un'inversione di tendenza, ma sono solo normali fluttuazioni all'interno di un ciclo che rimane in profonda recessione.
Nel 2009 il Pil mondiale è calato (tra lo 0,5 e l'1,5%) per la prima volta dal dopoguerra. Particolarmente pesante è stata la contrazione per Giappone e Germania (- 5%) e USA (-2,8%). Dopo un decennio di crescita a due cifre la Cina aumenterà il PIL del 7%. Assisteremo ad un'esplosione del deficit di bilancio di molti Stati (per gli Usa si prevede un deficit di 1800 miliardi di dollari, pari al 13% del PIL) così come dell'indebitamento sovrano degli stati (nel 2010 vi saranno nuove emissioni di titoli di stato per oltre 2000 miliardi i di dollari).
Se a ciò aggiungiamo che Banca del Giappone, Federal Reserve (FED) e Bank of England (BOE) hanno azzerato il tasso di sconto (facilitando i deboli segnali di ripresa di cui sopra), che FED e BOE hanno dato il via a quella che gli economisti chiamano "quantitive easing" cioè alla stampa di nuova moneta (col rischio che tutto ciò crei nuove tendenze inflazioniste), che necessariamente anche la BCE dovrà seguirle in questa strada per evitare un eccessivo rafforzamento dell'Euro e quindi una perdita di competitività delle merci europee, possiamo affermare che la luce in fondo al tunnel della crisi al momento non è ancora visibile.

 

LA SITUAZIONE ITALIANA: NON UN CASO A SE', MA IL FRUTTO DELLO SVILUPPO DI UNA POTENZA IMPERIALISTA NEL QUADRO DELL'ECONOMIA GLOBALIZZATA

Anche l'Italia, come ormai tutti i Paesi del mondo, è entrata in una profonda recessione economica, dalla quale, a differenza di altri Paesi, le sarà più complicato uscire, per vari fattori che rendono oggi il Belpaese l'anello più debole della catena imperialista mondiale.
Per diverso tempo il primo ministro Berlusconi e il suo ministro delle finanze Tremonti hanno cercato di negare prima e minimizzare poi gli effetti della crisi, iniziata con lo scoppio della bolla immobiliare negli Usa, sull'economia italiana.
A giustificazioni di queste analisi, hanno usato argomenti di vecchia data: hanno affermato che l'Italia non sarebbe caduta in recessione per il fatto di essere poco sviluppata e non completamente integrata nel circuito economico finanziario internazionale, per il fatto che le banche e le industrie nazionali non si erano lanciate negli anni passati in operazioni di speculazione finanziarie come viceversa hanno fatto i loro concorrenti stranieri, che grazie a tutto ciò il Paese sarebbe stato solo sfiorato dalla peggiore tempesta economica degli ultimi decenni.
Si tratta come detto di argomenti già usati in passato. Il mito di una nazione nella quale il percorso di modernizzazione politico, economico e sociale, non è stato mai completato è servito in passato al Partito Comunista Italiano (nella sua versione stalinista ortodossa sia in quella più soft dell'Eurocomunismo) per giustificare la politica di fronte popolare, di alleanze tra gli operai e la borghesia democratica, al fine di "completare la rivoluzione democratica del Paese", relegando le rivendicazioni socialiste alla liturgia delle ricorrenze principali del movimento operaio. Ma argomenti simili sono stati usati anche da settori della destra (non solo quella fascista ma anche liberale) nel secolo scorso per unire attorno a sé gli strati popolari del Paese, in rivendicazioni nazionaliste in cui la nazione operaia e contadina italiana rivendicava il suo posto al tavolo delle maggiori potenze imperialiste.
Queste previsioni, o meglio questi desideri, hanno lasciato presto il posto alla realtà. L'Italia nel nel 2009 è stata in recessione economica e per il 2010 le previsioni dei maggiori centri di studio non lasciano molte speranze per una ripresa significativa.
D'altronde, che la rappresentazione autarchica del Paese sia del tutto falsa lo dimostra il fatto che le maggiori imprese, banche e assicurazioni italiane negli anni si sono impegnate in una fortissima espansione internazionale: dalla Fiat che ha fabbriche nei quattro angoli del pianeta, alle banche Unicredit e Intesasanpaolo, che hanno nei fatti monopolizzato i mercati est europei, all'Eni e all'Enel che sono tra i maggiori attori nel mercato globale del petrolio e dell'energia elettrica.
Sulle possibilità di una ripresa economica, e su quanto questa possa essere strutturale e non congiunturale, dipende ovviamente da vari fattori, ma per l'Italia le difficoltà rischiano di essere maggiori che per altri Paesi.
Le politiche degli ultimi anni, in particolare quelle iniziate all'epoca dell'ultima recessione economica del 1993, hanno certamente permesso alle classi dominanti del Paese di ottenere delle grandi vittorie a spese delle classi subalterne. L'ingresso nell'Euro è la migliore rappresentazione di questo successo. Tuttavia, questo non ha risolto alcuni problemi di fondo della struttura economico finanziaria del Paese, che la crisi attuale rischia di far emergere in maniera prepotente. Prima di tutto bisogna rilevare che il bilancio statale continua a essere in una condizione difficile, tale da rendere l'Italia un'osservata speciale da parte di tutti gli istituti finanziari internazionali. Quest'anno è previsto un deficit di bilancio del 5% che, pur essendo fuori dai parametri di Maastricht, di per sé non è, per i tecnocrati dell'Unone Europea, particolarmente rilevante, visto che in situazioni simili si troveranno diversi Paesi della zona euro. Tuttavia è il dato relativo al debito pubblico quello che desta le maggiori preoccupazioni. Nel 2009 è tornato a salire prepotentemente, arrivando al 120% del PIL, con quali conseguenze è facile prevedere. Questa situazione rischia di avere altri gravi effetti:
1) Lo Stato italiano rischia il default anche nel caso una sola asta di titoli pubblici fallisca o le sottoscrizioni siano inferiori a quanto offerto. Non è solo un'ipotesi di scuola: una cosa simile è capitata all'inizio del 2009 a un'asta dei titoli di stato tedeschi e a metà marzo in Gran Bretagna. Se aggiungiamo che nel corso del 2010 ci sarà un'enorme offerta di titoli governativi a livello mondiale, a causa della ingente richiesta di capitali necessari ai vari governi per finanziare i loro tentativi di allentare i morsi della crisi, c'è il rischio di gravi tensioni per il governo di Roma. Un eventuale fallimento del cosiddetto "debito sovrano" di alcuni Paesi (Grecia in testa) - possibile anche se improbabile - non potrà non avere ripercussioni anche per i conti pubblici nazionali.
2) Oggi il voto che le agenzie di rating danno al debito italiano è uno dei più bassi tra i Paesi avanzati. Altre bocciature rischierebbero di far saltare le casse pubbliche. Questo comporta che il governo italiano si trova in grosse difficoltà nel concedere tutti quei finanziamenti necessari per salvare le imprese. Attualmente sono state stanziate cifre molto inferiori rispetto a quanto hanno fatto altri Paesi. Questo sta rendendo molto nervosi e critici gli industriali italiani, che, quando si tratta della difesa dei loro profitti, diventano i maggiori sostenitori dell'intervento statale, aborrito quando invece serve per cercare di difendere operai, studenti e disoccupati.
Anche la struttura economica nazionale rende le prospettive di ripresa più incerte rispetto alle altre potenze imperialiste. Circa il 90% delle imprese nazionali sono di piccole o piccolissime dimensioni. Questo va ad influire su diversi aspetti, come la capacità di fare un investimento per aumentare la produttività del lavoro, ottenere finanziamenti dalle banche a condizioni favorevoli, ecc.
Per quanto concerne la produttività, i dati sono indicativi. Pur avendo una media di ore lavorate per addetto superiore rispetto alla media dei Paesi OCSE (1824 contro 1794), la produttività media oraria è aumentata nel quinquennio 2001-2006 solo dello 0,5%, a fronte di una media dell'1,5.
Infatti negli ultimi anni il capitalismo italiano ha puntato prevalentemente sullo sfruttamento feroce dei lavoratori - piuttosto che su investimenti in tecnologia che aumentassero la produttività lavorativa - e su attività economiche gestite in regime di monopolio quasi assoluto, grazie alla assenza di concorrenza straniera (gestione delle autostrade, servizi telefonici, di erogazione di luce, acqua, gas, energia elettrica e anche di servizi finanziari a imprese e cittadini) i cui prezzi applicati hanno garantito enormi profitti.
Tuttavia, in una situazione simile si trovano anche aziende multinazionali che sono considerate il fiore all'occhiello del Paese. Le acciaierie Riva, ad esempio, che sono tra i maggiori produttori di acciaio al mondo, hanno però un tipo di produzione qualitativamente bassa, il che li rende competitivi con quelle produzioni dei Paesi meno avanzati industrialmente e che, allo stesso tempo, possono avere il vantaggio di una manodopera meno cara e numericamente superiore rispetto a quella del loro concorrente italiano, rendendo la produzione di quest'ultimo maggiormente a rischio.
La stessa Fiat, che negli ultimi tempi era stata portata ad esempio di come un nuovo management aziendale potesse risollevare un'azienda in crisi, è oggi in una situazione assai meno florida di come la si vorrebbe rappresentare.
Secondo uno studio di CSM Worldwide, la capacità produttiva delle sue fabbriche in Europa passerà dal 70,3% del 2008 al 63,9% del 2009, e in particolare le 5 fabbriche italiane producono grossomodo lo stesso numero di autovetture del solo stabilimento polacco. Se aggiungiamo che la sua produzione è stata molto più bassa dei suoi concorrenti, anche negli anni passati, quando il mercato dell'auto ha beneficiato di un boom come non si vedeva da anni, possiamo intuire che in quegli anni è stata meno in grado di altri di beneficiare di una situazione favorevole.
Ecco perché, secondo alcuni analisti, il valore di Fiat, escluso il settore camion e macchine per l'agricoltura, è uguale a zero, e la fusione con l'americana Chrysler, la più in crisi delle Big Three di Detroit, appare come un disperato tentativo di salvare il salvabile.
Anche per il settore finanziario, che negli ultimi tempi aveva dato vita a una serie di concentrazioni e fusioni, con la creazione di veri e propri "campioni nazionali" in grado di competere con gli istituti bancari esteri per la conquista dei mercati globali, le cose non vanno affatto bene.
Unicredit, che per lungo tempo era diventato l'emblema della finanza italiana nel mondo, è il simbolo di questa situazione. Nel corso del 2009 ha visto crollare il suo valore di borsa e un peggioramento degli indici patrimoniali, tanto che il suo fallimento è stato per lungo tempo all'ordine del giorno. Ora la situazione sembra essere migliorata, anche grazie a due aumenti di capitale di circa 10 miliardi di euro, ma ciò nonostante la banca di Piazza Cordusio risulta ancora nella lista delle 20 banche mondiali a maggior rischio di bancarotta. Discorso simile per l'altra grande banca, Intesasanpaolo, che ha dovuto annullare la distribuzione del dividendo agli azionisti, al fine di rientrare nei parametri contabili stabiliti dai trattati di Basilea. In una situazione peggiore si trovano anche banche come il Banco Popolare Italiano e il Monte dei Paschi (roccaforte della cosiddetta finanza rossa, in quanto i suoi dirigenti sono nominati dalle amministrazioni locali della città di Siena, governata dal Partito Democratico), che avevano concentrato i loro affari prevalentemente in Italia, a riprova che la crisi colpisce non solo chi internazionalizza la propria attività.
Da ultimo, la stessa composizione del PIL non fa ben sperare per il futuro. Negli ultimi anni, è stato grazie alle esportazioni (che valgono circa il 20% del prodotto interno lordo) che l'economia italiana ha retto, seppur con molte difficoltà.
Oggi però questo rischia di essere un elemento di debolezza più che di forza. Intanto, perché anche altri Paesi che hanno fatto dell'export il loro punto di forza (Germania e Cina) sono quelli che subiranno un maggior rallentamento della crescita, in quanto uno dei risultati della crisi in corso è che vi saranno una contrazione del commercio mondiale e uno stimolo a tendenze protezionistiche nei vari Paesi.
In secondo luogo, perché l'Italia ha primeggiato in settori "deboli" dal punto di vista tecnologico (abbigliamento, tessile, alimentare) mentre ormai è debole (meccanica) o completamente assente da quelli più avanzati (chimica, farmaceutica ed elettronica, produzione di satelliti ad uso civile ecc.), quindi, come ricordavamo poco sopra, dovrà subire la feroce concorrenza di Paesi che possono beneficiare di un'enorme manodopera a buon mercato (agenzie internazionali stimano che l'export italiano tornerà a livelli pre-crisi solo fra 15-20 anni).

 

SOLO LA LOTTA DI CLASSE INTERNAZIONALE, DIRETTA DA UN PARTITO CONSEGUENTEMENTE COMUNISTA, PUO' DARE UNA RISPOSTA PROGRESSIVA PER I LAVORATORI

In conclusione, l'uragano che sta devastando l'economia mondiale sta mettendo a rischio la tenuta dell'impalcatura dell'egemonia capitalista. Oltre alla possibilità concreta di vedere in breve tempo svanire la concordia, molto di facciata, che ha caratterizzato i rapporti tra le varie potenze negli ultimi venti anni (basti pensare alle accuse circa una mancanza di scelte politiche incisive per affrontare la crisi, rivolte dagli Usa all'Europa; le tensioni tra gli stessi Paesi della UE, i duri proclami della burocrazia restaurazionista cinese contro le tendenze protezioniste della Casa Bianca), assistiamo anche a una ripresa della conflittualità di classe a livello mondiale.
Francia, Spagna, Portogallo e Grecia sono oggi le punte avanzate di questa ripresa della conflittualità operaia. A breve una situazione simile potrà verificarsi in Italia, Germania, Gran Bretagna, America Latina, Africa e nello stesso epicentro della crisi, gli Usa. Compito di un'organizzazione rivoluzionaria è quello di incanalare l'enorme rabbia popolare che già oggi colpisce le persone e i simboli del capitalismo (le cronache ci raccontano di sequestri di manager di multinazionali a opera di lavoratori licenziati, di assalti alle abitazioni dei banchieri che si sono arricchite speculando sui risparmi dei lavoratori, ecc.) verso un fine più ampio, pur se molto difficile: quello del rovesciamento per via rivoluzionaria del dominio del capitale sul lavoro.

ODG SULL'AGGIORNAMENTO DELLE TESI

 

Il congresso dà mandato al Comitato centrale eletto per aggiornare le tesi congressuali sulla base degli sviluppi recenti della situazione economica e politica e, in particolare, sulla base della ripresa delle lotte operaie in relazione all'approfondirsi della crisi economica.

Ordine del giorno

Per una campagna per l'occupazione delle fabbriche

e la costruzione di comitati di lotta

 

Il secondo congresso del Partito di Alternativa Comunista impegna gli organismi e le strutture del partito a promuovere - come importante iniziativa della fase politica che si apre - una campagna per l'occupazione delle fabbriche e per la costruzione di comitati di lotta nelle aziende che chiudono e licenziano, di organismi di coordinamento territoriale e nazionale delle lotte e di autodifesa dei lavoratori. Le occupazioni delle fabbriche, nella prossima fase di inasprimento della crisi, diventeranno presumibilmente un fenomeno sempre più diffuso di risposta operaia immediata per difendere il posto di lavoro. Indipendentemente dalle modalità in cui nascono e si sviluppano (spesso su indicazione degli stessi dirigenti sindacali, in funzione di trattative al ribasso) e dalle piattaforme rivendicative (talvolta di mera pressione sulla classe padronale, si pensi al caso di Termini Imerese), l'occupazione delle fabbriche mette nei fatti in discussione la "sacralità" della proprietà borghese.
Il PdAC si fa inoltre promotore di una campagna per la costruzione, negli stabilimenti i cui lavoratori sono in mobilitazione, di comitati di lotta, eletti da tutti i lavoratori in lotta, espressione della contrapposizione di classe tra padroni e operai, che vadano oltre la rappresentanza delle Rsu e siano in grado di costituire l'organo di lotta degli strati più sfruttati della classe operaia - precari e immigrati in primis - privi di tutele sindacali.
L'occupazione delle fabbriche e i comitati di lotta possono essere il primo passo di un percorso di lotte ad oltranza che, nella prospettiva del coordinamento su scala nazionale e internazionale delle lotte, possa respingere l'attacco padronale e rovesciare i rapporti di forza a vantaggio della classe lavoratrice, fino all'esproprio - senza indennizzo e sotto il controllo dei lavoratori - delle aziende.

 


 

Ordine del giorno

IL PDAC E I LAVORATORI IMMIGRATI

 

Il secondo congresso del PdAC conferma la centralità del lavoro politico con e tra i lavoratori immigrati. Consideriamo il processo migratorio nel nostro Paese, come in tutti i Paesi imperialisti, strettamente dipendente dalle dinamiche del capitalismo che vedono la necessità, da parte del capitale, di disporre di un esercito di forza lavoro di riserva da utilizzare per accrescere i profitti.  
Nella attuale fase di crisi, in particolare, si rivela in maniera accentuata come i lavoratori immigrati rappresentano la frazione della classe operaia per prima sotto attacco da parte dei processi di ristrutturazione capitalistica in atto: licenziamenti, lavoro nero, aumento dello sfruttamento, bassi salari e assenza dei diritti più elementari.
Parte di questo attacco sono le campagne ideologiche di stampo razzista che la borghesia ed i suoi governi (di centrodestra e di centrosinistra) stanno mettendo in atto per riaffermare il proprio dominio sull'intera classe operaia, dividendo i lavoratori e cercando di impedire che si organizzino, come classe, nella lotta all'attacco profondo imposto dalla crisi.
Riconoscendo, dunque, una matrice di classe nelle tendenze razziste e xenofobe presenti nella società, rifiutiamo ogni approccio antirazzista di stampo "umanitario" e interclassista. Riteniamo che il razzismo e la xenofobia possano essere sconfitti in una più generale battaglia contro il sistema capitalistico, comprese le sue costruzioni ideologiche, e per l'unificazione in una prospettiva di lotta di tutta la classe lavoratrice, immigrata e autoctona.
I lavoratori immigrati nel nostro paese rappresentano una consistente parte della manodopera legata prevalentemente all'edilizia, al terziario, all'assistenza e al lavoro domestico, all'agricoltura e costituiscono spesso i settori più sfruttati, sottopagati, meno tutelati dal punto di vista sindacale. La borghesia e i suoi governi, sulla scia delle politiche sull'immigrazione dei paesi imperialisti europei, tendono al controllo di tali lavoratori attraverso leggi di stampo razzista.
La recente legge Maroni, oltre a istituire pesanti misure repressive nei confronti di ogni forma di conflitto, sferra un ulteriore attacco ai lavoratori immigrati, in continuità con le leggi dei precedenti governi (Turco-Napolitano, Bossi-Fini, Decreto Amato-Ferrero). Leggi che con il fine dichiarato di "regolamentare" i flussi di manodopera, nella sostanza rendono questi lavoratori ricattabili e privi di diritti. Diritti che, per questa via, vengono ridotti anche per i lavoratori italiani.
Il Pacchetto sicurezza, redatto con il contributo essenziale della Lega, che incarna i più retrivi istinti razzisti e xenofobi, introduce il reato di clandestinità ed espone i lavoratori immigrati privi di permesso di soggiorno a misure repressive come la reclusione fino a sei mesi nei Centri di identificazione ed espulsione, vere e proprie galere, e la vera e propria espulsione.
Riteniamo che vada contrastata con forza la frammentazione in atto tra lavoratori immigrati e italiani. Occorre smascherare la cosiddetta "sicurezza" procurata dai provvedimenti del governo, il disegno della borghesia volto a colpire i lavoratori immigrati per colpire tutta la classe operaia e recuperare un'unità nelle lotte contro l'unico nemico rappresentato dai padroni e dai loro governi.
L'esperienza di organizzazione e di lotta che i lavoratori immigrati hanno messo in atto in questi anni in Italia va estesa. Sosteniamo tutte le forme di autorganizzazione che rendono più forte questa frazione della classe operaia dinanzi agli attacchi della borghesia, per l'acquisizione dei diritti come la casa, la sanità, l'istruzione, il diritto di voto e di cittadinanza a cominciare da quella dei loro figli. Sosteniamo ogni forma di autodifesa degli immigrati contro gli attacchi razzisti e xenofobi e ogni forma di resistenza al razzismo e alle discriminazioni attuate dalle istituzioni.
Lavoriamo per l'estensione su scala nazionale di comitati di lavoratori italiani e immigrati per unificare le lotte e attuare una vera solidarietà di classe, come strutture di  avanguardia nei quartieri e nei luoghi di lavoro.
Italiani e immigrati, stessa classe, stessa lotta!

 


 

Ordine del giorno

SOLIDARIETA' DI CLASSE AGLI IMMIGRATI

BARBARAMENTE AGGREDITI A ROSARNO

 

Il secondo congresso del Partito di Alternativa Comunista esprime piena solidarietà di classe ai lavoratori immigrati (in prevalenza impegnati nel bracciantato agricolo) che hanno subito, a Rosarno, una barbara aggressione da parte delle forze dell'ordine il borghese e di bande razziste.
Ancora una volta, come avvenne a Castelvolturno circa un anno fa, uno dei settori di classe più colpiti dalla crisi, sfruttati, vittime del lavoro nero e privi dei più elementari diritti (primo fra tutti il permesso di soggiorno) alza la testa.
E per questo si abbatte su questi lavoratori la repressione legittimata dal clima di intolleranza razziale che i governi di entrambi gli schieramenti (di centrodestra e di centrosinistra) e il padronato fomentano per dividere la classe lavoratrice e per scaricare su di essa gli effetti della crisi del sistema.
La reazione del governo (Maroni e La Russa) infatti spinge sul pulsante della "tolleranza zero", riducendo il tutto ad un problema di ordine pubblico e criminalizzando i lavoratori ritenuti, ormai, criminali perchè, per loro, la clandestinità oltre ad essere un reato, alimenta la  violenza.
Si tratta invece della violenza del capitalismo che si serve anche delle organizzazioni criminali per poter sopravvivere, della violenza dello Stato e dei suoi governi, "comitati di affari della borghesia".
Di fronte alla recrudescenza delle politiche di esclusione e intolleranza razziale, a partire dalle leggi Turco-Napolitano e Bossi-Fini e dai recenti provvedimenti sulla "sicurezza" di Amato e Maroni, fino alla istituzione delle "ronde", i lavoratori immigrati pagano per primi i costi della crisi. Il PdAC difende il diritto degli immigrati al permesso di soggiorno senza alcuna condizione, alla cittadinanza, a un posto di lavoro, a salari dignitosi, all'autodifesa organizzata per respingere gli attacchi razzisti e xenofobi sia che provengano da squadre razziste anche di stampo mafioso-criminale,che dalle forze dell'ordine borghese.

 


Ordine del giorno

2010: SETTANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI TROTSKY

 

Il secondo congresso del Partito di Alternativa Comunista impegna gli organismi eletti dal congresso stesso a organizzare, in occasione del settantesimo anniversario della morte di Trotsky (1940-2010), una serie di iniziative politiche ed editoriali al fine di ribadire l'attualità del programma trotskista.
Il trotskismo - cioè il marxismo rivoluzionario odierno - non è per PdAC un richiamo rituale: è il programma dell'organizzazione centralista-democratica del partito, della ricostruzione della Quarta Internazionale, del potere dei lavoratori, cioè della dittatura del proletariato.
Il PdAC, in quanto unica forza in Italia che si richiama al trotskismo nel programma, nell'organizzazione e nella costruzione internazionale, si impegna a organizzare per l'anno 2010, in accordo con le altre sezioni della Lit:
- un seminario di formazione nazionale dedicato a Trotsky e al programma dei trotskisti;
- una pubblicazione di testi di Trotsky;
- un'assemblea nazionale, con ospiti internazionali della Lit, in ricordo della morte del grande rivoluzionario.
Tali iniziative non hanno ovviamente nulla a che fare con il culto della personalità o con il culto dei "testi sacri": il trotskismo per i rivoluzionari è un programma, non una persona. Nello spirito del marxismo, nessun testo è immutabile ma necessita - fermi restando i principi rivoluzionari del bolscevismo - di un adattamento al contesto economico e politico. Ricordare la figura del grande rivoluzionario significa per il PdAC mettere in pratica oggi - nella stagione di lotte operaie che si apre - i principi del marxismo rivoluzionario.


Ordine del giorno

SOSTEGNO ALLA CANDIDATURA DI ZE' MARIA

PER LE ELEZIONI DEL BRASILE

 

Il 2° Congresso nazionale del Partito di Alternativa Comunista (PdAC), sezione italiana della Lit‑Ci, preso atto della precandidatura del compagno Zé Maria, storico ed autorevole dirigente politico del proprio partito fratello, il Pstu, e riconosciuto dirigente sindacale di Conlutas, alla carica di presidente del Brasile, dichiara la propria soddisfazione per l'unica candidatura classista che si esprimerà nella prossima competizione elettorale, in grado per questo di attrarre oggettivamente settori dell'avanguardia operaia e popolare brasiliana e di rafforzare il Pstu e la stessa Lit‑Ci nella battaglia per la ricostruzione della IV Internazionale; dichiara altresì il proprio incondizionato sostegno alla candidatura e impegna la propria struttura militante ad organizzare una campagna italiana - e, insieme alle altre sezioni d'Europa della Lit‑Ci, continentale -  di appoggio alla candidatura del compagno Zé Maria.


Ordine del giorno

L'assemblea nazionale del 23 gennaio

Il secondo congresso del Partito di Alternativa Comunista ritiene importante partecipare all'assemblea nazionale di coordinamento delle aziende in lotta convocata a Roma il 23 gennaio 2010.


ordine del giorno

TESSERAMENTO SIMPATIZZANTE 2010

 

In adempimento all'art. 2 punto 2 dello Statuto del PdAC si dà mandato al CC per prevedere per il 2010 la stampa e la distribuzione delle tessere simpatizzanti.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA BATTAGLIA DELLA LIT PER LA

RICOSTRUZIONE DELLA IV INTERNAZIONALE

Sintesi della relazione di Valerio Torre

sul punto internazionale

 

Esattamente tre anni fa, in questa stessa sala, nasceva il Partito di Alternativa Comunista. Credo che possiamo ragionevolmente dire che la prima scommessa che facemmo allora è stata vinta. Non certo quella della pura e semplice sopravvivenza: ci sono tante sette e gruppuscoli della sinistra che riescono a restare in vita per decenni. La scommessa che facemmo allora era un'altra: quella, insieme ad altri compagni in tante parti del mondo, nel quadro della Lit, la Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale, di imboccare la strada per la ricostruzione di un partito mondiale dei lavoratori, di una direzione internazionale rivoluzionaria delle lotte. In altri termini, di un'Internazionale rivoluzionaria democraticamente centralizzata che si ponga l'obiettivo della presa del potere dei lavoratori e dell'instaurazione della dittatura del proletariato, cioè del governo dei lavoratori.
Per noi quell'Internazionale è, appunto, la Quarta perché, come abbiamo ripetutamente detto nei nostri documenti, il numero indica non già un feticcio, bensì un programma e, contemporaneamente, un lascito storico; perché rivendichiamo l'attualità delle premesse oggettive della rivoluzione proletaria (cioè, la crisi della società capitalista) e di quelle soggettive (cioè, l'esistenza di una classe che è soggetto sociale della rivoluzione, vale a dire, la classe operaia), nonché l'attualità dell'unico programma e dell'unica Internazionale che hanno operato la connessione fra quelle premesse oggettive e soggettive: cioè, il programma e l'Internazionale trotskista, che ancora oggi - nella dichiarata continuità col bolscevismo dell'Ottobre, con le prime tre Internazionali e con la parola d'ordine principale del marxismo, appunto la dittatura del proletariato - difendono esplicitamente e rilanciano la prospettiva storica del socialismo.
E i compagni delle altre sezioni e del Segretariato Internazionale della Lit che sono qui con noi oggi sono la rappresentazione plastica di quanto quella scommessa possiamo dire di averla vinta. Questi compagni, che sono qui per condividere il nostro percorso congressuale, per portarci il loro contributo, sono i nostri compagni di strada, di lotta: di quella strada che abbiamo imboccato e di quella lotta che tra mille e mille difficoltà stiamo conducendo per ricostruire la Quarta Internazionale.
Perché, appunto, tra i tanti limiti e le tante debolezze che hanno segnato la nostra fondazione come partito, sicuramente non possiamo annoverare il vizio che caratterizza tante organizzazioni, grandi e piccole, che pur si richiamano o provengono dal trotskismo: cioè, una costruzione sul solo piano nazionale. Questo - che non è solo un limite, ma soprattutto il rinnegare l'essenza stessa del marxismo rivoluzionario - non l'abbiamo mai avuto: anzi, l'abbiamo espressamente negato sin dalla nostra nascita. Ed è per questo che, già negli ultimi tempi della nostra permanenza dentro Rifondazione Comunista, quando era ormai delineata la prospettiva dell'uscita e della fondazione del PdAC, iniziammo la nostra costruzione parallelamente sul piano nazionale ed internazionale.
E mi piace ricordare che tre anni fa, era qui in nome della Lit, per accompagnarci nel nostro atto fondativo, un compagno che oggi è in prima fila nella battaglia della Lit per la ricostruzione della Quarta Internazionale, ed in particolare in un tassello di questa battaglia sulla cui grande importanza mi soffermerò in seguito.
Sto parlando del compagno Zé Maria, operaio metallurgico, riconosciuto ed autorevole dirigente politico del Pstu e sindacale di Conlutas, il più grande sindacato classista del Brasile, oggi impegnato come candidato per il Pstu nelle elezioni presidenziali che si celebreranno fra qualche mese in Brasile. Ed il nostro congresso vuole anche rappresentare il sostegno che nel nostro piccolo, da quest'altro lato del mondo, vogliamo assicurare a Zé Maria, al Pstu ed alla Lit, per questa candidatura classista, che, come vi accennavo e come dirò meglio, costituisce un tassello importantissimo della battaglia per la ricostruzione della Quarta.
Dunque, sin dall'inizio della nostra avventura come partito indipendente, avviammo la nostra costruzione non solo sul piano nazionale, ma anche - parallelamente - su quello internazionale. Cercammo da subito partiti, correnti, organizzazioni, che, ovunque collocati nel mondo, condividessero con noi l'obiettivo della ricostruzione della Quarta Internazionale. Partendo, però, da una chiarezza programmatica che non tutte le tendenze, che pure dicono di perseguire lo stesso obiettivo, hanno.
Le discriminanti, insomma, dovevano essere:
a)il rifiuto totale ed incondizionato dei governi di fronte popolare e la netta opposizione ad essi, con la rivendicazione dell'indipendenza di classe di fronte ad ogni tipo di governo borghese;
b)il sostegno e la difesa della mobilitazione permanente della classe operaia, quale soggetto storico della rivoluzione;
c)la lotta contro tutte le burocrazie e per un autentico regime di democrazia consiliare nelle organizzazioni del movimento operaio;
d)la necessità della presa del potere da parte dei lavoratori;
e)il rifiuto della "teoria" del socialismo in un paese solo e la necessità, pertanto, della rivoluzione mondiale;
f)l'ineludibilità della costruzione di un'Internazionale rivoluzionaria e di partiti rivoluzionari basati sul modello leninista e, quindi, sul principio del centralismo democratico, per far fronte alla crisi di direzione rivoluzionaria.
In questo processo di ricerca di un riferimento internazionale con simili caratteristiche, incontrammo la Lit, con la quale avemmo un confronto e di cui siamo poi diventati la sezione italiana.
Nello stesso periodo, altre organizzazioni confluivano nella Lit: la realtà mostra ancor oggi che c'è tutto un settore, benché ancora minoritario, che resiste alle pressioni che il capitalismo nella sua fase imperialista esercita sulla società nel suo insieme, determinando quella che nei testi della Lit è stata definita "alluvione opportunista", e cioè il processo di abbandono dei principi del marxismo rivoluzionario e di progressiva degenerazione opportunista delle correnti ex trotskiste ed ex rivoluzionarie. Questo settore in qualche modo tende a crescere, sia per l'acutizzazione della lotta di classe che per il crescente tradimento delle direzioni opportuniste e dei settori centristi che si dislocano a destra. E la Lit viene vista perciò come un riferimento perché, avendo mantenuto ferma la barra dei principi del trotskismo, è oggi la corrente internazionale più importante e dinamica, perché difende una posizione conseguente di indipendenza di classe di fronte ai governi di fronte popolare e non è capitolata al chavismo; perché è una corrente internazionale e persegue l'obiettivo della ricostruzione della Quarta Internazionale; perché difende i principi del leninismo e del trotskismo.
Insomma, sono presenti elementi che confermano quanto la Lit stava riscontrando da qualche tempo: e cioè, l'esistenza di un processo di raggruppamento rivoluzionario a livello internazionale intorno ad essa. Un raggruppamento, d'altro lato, che è l'espressione di una nuova situazione nel mondo e nella Lit, approfonditamente analizzata nell'ultimo Congresso mondiale del luglio 2008. Da quest'analisi sono emersi alcuni fatti incontestabili.
Prendiamo ad esempio quanto sta accadendo col Pstu. Benché il Brasile sia uno dei paesi dell'America Latina in cui più arretrata è la lotta di classe, l'esperienza di un settore minoritario di massa col governo Lula, un governo di fronte popolare, ha avuto il suo riflesso sul terreno sindacale, provocando un processo oggettivo di rottura con la Cut e permettendo la costruzione di Conlutas. Mettendosi alla testa di questo processo, con una politica cosciente per svilupparlo, il Pstu ha aumentato sostanzialmente la sua influenza sindacale e politica, con ripercussioni internazionali. Una di queste ripercussioni più importanti è l'Incontro Latinoamericano e Caraibico di Lavoratori (Elact) - di cui parleremo più avanti - che apre nuove prospettive di costruzione per le nostre sezioni, perlomeno in America Latina. Tutto ciò, naturalmente, ha riflesso sulla costruzione della Lit.
E poi, lo stesso ingresso del nostro partito; l'unificazione con il Cito; la formazione in Costa Rica di una sezione, il Mas, con un importante inserimento e un ruolo dirigente nel movimento studentesco;
la nascita in El Salvador di una giovane organizzazione; la recentissima costruzione della più giovane sezione della Lit, la Lts del Panama, composta da un gruppo di sindacalisti molto inseriti nella lotta di classe di quel piccolo Paese; lo sviluppo della Ust in Venezuela, un Paese cardine in considerazione del fatto che è la patria del chavismo, che esercita fortissime pressioni sull'intera sinistra politica e sindacale venezuelana.
Sono - questi - tutti importanti e chiarissimi sintomi del processo di raggruppamento di cui stiamo parlando.
Un processo, naturalmente, nient'affatto lineare ed anche contraddittorio, che si sviluppa attraverso progressivi avvicinamenti verso alcune organizzazioni, con cui si sono instaurati rapporti molto avanzati, ed allontanamenti da altre, con cui le relazioni sono fortemente regredite o versano in una fase di stanca. Tuttavia, seppur segnato da contraddizioni, resta confermato il processo di raggruppamento rivoluzionario intorno alla Lit, che spesso è caratterizzato anche dall'approssimarsi di organizzazioni non solo di origine trotskista.
In questo quadro, per meglio fronteggiare questo processo di approssimazione, la Lit si pone per tutto il prossimo periodo, fra gli altri compiti, quello dell'attualizzazione programmatica, cioè del Programma di Transizione, attraverso un seminario internazionale centralizzato, in quanto evento di maggior stimolo ed impatto internazionale; e di seminari per continenti, macroaree continentali, paesi e addirittura regioni, per venire incontro all'esigenza di far fronte alla dispersione del processo di raggruppamento intorno alla Lit.
Questo del seminario per l'attualizzazione programmatica non è concepito - e non deve essere visto - come un evento isolato, ma come un compito di fase e sempre con l'obiettivo di avanzare nell'elaborazione teorica e programmatica, da un lato, e della ricostruzione della Quarta Internazionale, dall'altro.
Dunque, possiamo a ragione dire che il compito di ricostruire la Quarta Internazionale è indissolubilmente legato a quello di costruire e rafforzare la Lit, perché la Lit si pone incondizionatamente l'obiettivo della ricostruzione della Quarta come suo asse centrale, al quale è legata la sua stessa ragion d'essere. E costruire e rafforzare la Lit significa, in primo luogo, costruire e rafforzare le proprie sezioni nazionali, nonché quegli organismi che da essa, attraverso queste ultime, sono influenzati.
È, ad esempio, il caso di Conlutas, che in questi ultimi anni si è costruito come un sindacato classista con grande influenza nella classe lavoratrice brasiliana, ponendosi al centro di un processo di riorganizzazione sindacale e politico, e che raccoglie oggi i frutti del lavoro svolto attraverso la prossima unificazione con un altro rilevante sindacato brasiliano, Intersindical.
Ed è pure il caso dell'Elact, l'Incontro Latinoamericano e Caraibico dei Lavoratori, convocato nel luglio 2008 da Conlutas stessa, dalla Cob (Centrale Operaia Boliviana, storico sindacato del paese andino, protagonista della Rivoluzione boliviana del 1952), da Batay Ouvriyé (importante organizzazione rivoluzionaria haitiana con influenza politica, sindacale e popolare in quel paese, ed alla testa di un ampio movimento di lotta contro l'occupazione militare da parte delle truppe inviate dall'Onu a tutela degli interessi delle multinazionali americane) e dalla Tendenza Classista e Combattiva (un importante settore sindacale dell'Uruguay). L'Elact è stato un successo politico importante, perché è riuscito a raggruppare un polo classista, antiburocratico, antimperialista e indipendente dai governi e dai partiti ed ha creato uno "spazio" politico e sindacale che ha prodotto un'incisiva politica internazionale promuovendo importanti campagne come quella contro l'occupazione militare di Haiti, contro il massacro di Gaza e recentemente contro il golpe in Honduras.
L'altra leva su cui la Lit vuole poggiare per costruirsi e, così, ricostruire la Quarta Internazionale sta nel rafforzamento delle sezioni nazionali.
In questa fase storica, per le prospettive che si aprono, il Pstu gioca, per esempio attraverso la candidatura di Zé Maria alle presidenziali in Brasile, un ruolo fondamentale. Un rafforzamento del Pstu può certamente costituire un riferimento internazionale per settori minoritari di avanguardia.
Nella prossima competizione elettorale, Lula non potrà ricandidarsi e lancerà nella mischia la sua ministra, Dilma Roussef, che si scontrerà col candidato conservatore José Serra. Si tratta di una falsa polarizzazione, essendo due candidati con un programma borghese. Il Psol, partito centrista col quale il Pstu ha in passato costituito un fronte elettorale di sinistra, versa in una grave crisi avendo quasi certamente deciso di appoggiare Marina Silva, ambientalista e già ministra del governo Lula, oggi candidata col partito dei Verdi.
In realtà, la candidatura di Marina Silva non rappresenta affatto un'alternativa di sinistra: durante la sua carica di ministro, il governo Lula ha realizzato i più pesanti attacchi all'ambiente adottando tra l'altro misure in favore dell'agrobusiness della soia transgenica, d'accordo con Bush. Né il partito Verde è un partito di sinistra: in molte città, e anche in alcuni Stati, appoggia direttamente i governi di destra in carica.
Tuttavia, la decisione della direzione del Psol ha generato sconcerto ed anche opposizione nella base del partito. Alcuni settori di questa hanno già annunciato che appoggerebbero la candidatura di Zé Maria, che è l'unica vera candidatura classista, in grado pertanto di raggruppare un polo superiore al peso specifico del Pstu: attraendo probabili rotture politiche ed organizzative di gruppi regionali, quadri ed attivisti del Psol; raccogliendo coloro che continuano a tenere alta la bandiera socialista anche nelle elezioni; costituendosi in un punto di riferimento per una parte della nuova avanguardia che nasce nelle lotte sui luoghi di lavoro.
Una campagna elettorale intorno a una figura autorevole e riconosciuta come quella di Zé Maria, spiegando pazientemente il programma dei rivoluzionari, demistificando le illusioni nel governo di fronte popolare a partire da cose molto concrete come le esigenze dei lavoratori e dei settori popolari, partendo quindi dall'esperienza con le politiche del governo, può sicuramente attrarre intorno al Pstu settori di avanguardia, rafforzando il suo profilo di partito rivoluzionario e, indirettamente, quello della Lit.
E questa campagna elettorale non è qualcosa che ci riguarda molto da lontano. Anzi, deve costituire l'asse della nostra campagna politica internazionale e di quella delle altre sezioni europee della Lit, con le quali è necessario costruire le basi per amplificare anche in Europa il significato e il senso di una candidatura di classe nell'interesse dei lavoratori. Per questo, organizzeremo a livello continentale assemblee, incontri, manifestazioni ampie per far conoscere ai più vasti settori della sinistra la nostra idea di come, anche attraverso una candidatura alle elezioni borghesi, sia possibile costruire e portare avanti il programma dei rivoluzionari.
Stiamo verificando la possibilità che lo stesso Zé Maria venga in Europa nei prossimi mesi per illustrare la sua candidatura e, in definitiva, il programma dell'Internazionale di cui noi siamo sezione italiana.
È anche questo un modo per contribuire, nei limiti delle nostre possibilità, alla costruzione della Lit e di un'Internazionale rivoluzionaria, che per noi è la Quarta.
Sono sicuro che il lavoro che abbiamo compiuto in questi tre anni ed il congresso che stiamo celebrando possono servire a questo scopo: costruire e rafforzare, col contributo di tutti i nostri militanti e quadri, il PdAC significa costruire e rafforzare la Lit. Significa, in ultima analisi, proseguire con qualche possibilità di successo in più sul cammino della ricostruzione della Quarta Internazionale.

COSTRUIRE IL PDAC NEL VIVO DELLE LOTTE

Sintesi della relazione di Ruggero Mantovani

sul punto politico nazionale

 

"Monopoli, oligarchia, tendenza al dominio anziché alla libertà, sfruttamento di un numero sempre maggiore di nazioni piccole e deboli per opera di un numero sempre maggiore di nazioni più ricche o potenti: sono le caratteristiche dell'imperialismo, che ne fanno un capitalismo parassitario e putrescente... potrà magari durare per un tempo relativamente lungo ma infine sarà fatalmente eliminato" (Lenin, L'Imperialismo).
Oggi come ieri si conferma la crisi capitalista e le sue ricadute sui lavoratori. Non è un caso che per il 2010 l'Ocse prevede in Europa 29 milioni di disoccupati e che in Italia abbiamo registrato, ad oggi, la maggior perdita di lavoro dal 1994.
Il deficit di bilancio e i debiti pubblici, amplificati da una operazione di "socializzazione delle perdite" subite dalle varie borghesie nazionali, verranno sanati a spese delle classi subalterne: ne sono esempi inequivoci il nuovo modello contrattuale, i tagli alla scuola pubblica, alla sanità e alle pensioni. Come affermato dal direttore del Fmi (che non ha certamente simpatie marxiste) la crisi deve ancora finire, anzi l'esponenziale aumento della disoccupazione rischia di provocare vere e proprie "esplosioni sociali".

 

Una crescita progressiva e costante della lotta di classe

Anche in Italia il conflitto sociale è emerso in questi mesi in forme radicali: dopo la l'Innse migliaia di lavoratori salgono sui tetti, occupano le fabbriche. Da oltre un anno e mezzo la lotta di classe anche in Italia sta assumendo forme sempre più radicali.
La lotta dei lavoratori Alitalia/Cai in particolare è stata esemplificativa, poiché ha segnato due campi di classe definiti: i lavoratori Alitalia da un lato e dall'altro un muro compatto, prima del governo di centrosinistra, poi del governo Berlusconi, ben coordinati da Colaninno e sostenuti da tutta la burocrazia sindacale concertativa.
Poi è stata la volta degli immigrati e del sindacalismo di base: il 4 ottobre 2008 (poi replicata nell'ottobre del 2009) è stata la prima vera manifestazione nazionale a Roma contro la politica securitaria e razzista del governo. Il vento della lotta cominciava a soffiare, tant'è che il 17 ottobre era la volta dello sciopero generale contro il governo e il padronato (poi di nuovo replicato nell'ottobre del 2009) proclamato da Rdb Cub, C. Cobas e Sdl.
Quello sciopero non era soltanto il primo vero sciopero contro il governo e il padronato, ma dava inizio a quell'onda crescente di mobilitazione nella scuola e nell'università contro la devastante riforma del ministro Gelmini. Dopo qualche settimana si mobilitavano i lavoratori del commercio contro l'accordo del 18 luglio, e subito dopo i metalmeccanici che avevano programmato una mobilitazione nazionale, malgrado la volontà della burocrazia Cgil contraria a battersi per l'unificazione delle vertenze in una grande giornata di lotta e di sciopero generale.
L'ascesa costante del conflitto sociale ha visto in questi ultimi mesi mobilitarsi la classe operaia: gli operai Innse occupavano un carroponte a circa dieci metri di altezza, sostenuti da altri lavoratori e compagni che presidiavano la fabbrica per impedire lo smontaggio e la rimozione dei macchinari industriali; gli operai dell'Alcoa di Portovesme in Sardegna rapivano per qualche ora il
direttore rivendicando come unica vera soluzione contro la chiusura della fabbrica, i licenziamenti e la cassa integrazione, la lotta e l'occupazione; gli operai della Videocon di Anagni, manifestavano contro i preannunciati licenziamenti salendo sui tetti dello stabilimento e occupando un'ala della fabbrica..
Non si può certo dire che sia mancata la disponibilità alla lotta in questi mesi. Quello che è mancato e continua a mancare è un'indicazione di lotta generale e unificante che può essere realizzata solo con la ripresa di un conflitto generalizzato e di massa nella prospettiva del superamento del capitalismo. Ciò che richiede una direzione alternativa del movimento operaio: alternativa alle attuali.

 

Il bipolarismo: strumento della borghesia imperialista

Il bipolarismo si conferma la formula privilegiata della borghesia italiana nel difficile compito di normalizzare il quadro sociale che, tanto più oggi, fa emergere tendenze neo autoritarie, effetto di una progressiva semplificazione del quadro politico.
Il governo Berlusconi fin da subito ha mostrato il suo carattere di classe, razzista e reazionario, e impresso un'accelerazione alla politica di guerra e di rapina tracciata dal precedente governo Prodi. Il governo Berlusconi è nato sulla spinta della piccola e media borghesia, di settori minoritari della grande borghesia e delle banche - col sostegno dei settori più reazionari della Chiesa cattolica - ma ha infine ottenuto il sostegno anche delle maggiori organizzazioni industriali e bancarie, che si sono adattate ad esso, pur non essendo il governo che avrebbero preferito. Un disegno che oggi trova una battuta d'arresto nell'intreccio di fenomeni maturati in quest'ultimi tre anni, sia a livello nazionale che internazionale: l'impossibilità di Berlusconi di realizzare una politica di finanziamento del capitalismo italiano attraverso l'avvio di opere pubbliche e di pesanti sgravi fiscali (continuo rimprovero della Confindustria della Mecegaglia), indotta dalla crisi economica mondiale e dal patto di stabilità europeo, ha acuito una crisi di egemonia in particolare sul quel blocco sociale piccolo e medio borghese a vantaggio della Lega.
La situazione politica italiana ha registrato in questi ultimi mesi alcuni fatti: la bocciatura del Lodo Alfano da parte della Corte costituzionale e lo scontro tra Presidenza del Consiglio e Presidenza della Repubblica. Fatti che hanno impresso, in un clima già da tempo alterato, un'improvvisa accelerazione in direzione di una possibile crisi delle istituzioni borghesi. In questi mesi abbiamo registrato uno sviluppo delle componenti reazionarie del berlusconismo: mortificazione del parlamento, conflitto con la magistratura e la stampa. Questo quadro si è combinato con il mancato successo elettorale del PdL, con lo sviluppo della corsa alla successione all'interno della maggioranza (tensioni con Fini), con i conflitti emersi con settori della Chiesa (area Ruini), ed infine con le contraddizioni sviluppatesi nel blocco sociale di riferimento del centrodestra: insoddisfazione crescente di strati popolari nel Sud e di settori di piccola e media borghesia del Nord.
Se da un lato è possibile che il Presidente del Consiglio utilizzi la riforma costituzionale come minaccia per cercare in realtà un nuovo punto d'equilibrio all'interno dell'attuale quadro istituzionale; dall'altro è altrettanto probabile che Berlusconi  intraprenda concretamente la via della riforma costituzionale in senso presidenzialista. Con ogni probabilità assisteremo al tentativo di Berlusconi di blindare questa legislatura e l'attuale maggioranza, come quadro di sviluppo della propria operazione politico - istituzionale, puntando su qualche successo d'immagine (l'attentato della madonnina), sul perdurante sostegno della Confindustria, che guarda con imbarazzo la via populistica del Cavaliere, ma soprattutto sui segnali di disponibilità del Pd a guida Bersani - D'Alema in merito al riavvio di una politica bipartisan sulle riforme costituzionali, magari lasciando alla maggioranza la responsabilità di una nuova legge salva Berlusconi.
Con l'affermazione di Pierluigi Bersani, il Pd guadagna probabilmente una guida più esperta e sicura, ma al servizio di una linea immutata di corteggiamento di Confindustria e dei poteri forti. La nascita del Partito Democratico rappresenta l'esito della strategia varata fin dalla Bolognina: emanciparsi da forza di governo ad asse centrale di una nuova rappresentanza della borghesia italiana, che superando un ruolo di subalternità al centro tradizionale borghese, oggi è divenuta la direzione centrale del partito democratico. Una forza di governo non episodica, come era stata quella del Pci - ad esempio nel dopoguerra il partito di Togliatti o alla fine degli anni '70 con il governo delle larghe intese - ma, nella crisi emersa nel quadro politico degli anni '90, determinante per la transizione della borghesia italiana nel blocco imperialistico europeo. L'asse Bersani- D'Alema- Letta e Colaninno è quello più direttamente legato agli ambienti confindustriali e bancari, ben rappresentati nella Fondazione Italiani Europei. Gli stessi ambienti e interessi peraltro che il pluriministro Bersani ha lautamente servito per anni, con detassazioni dei profitti, privatizzazioni, precarizzazione del lavoro: quelle politiche che hanno colpito i lavoratori spianando la strada a Berlusconi.
Questo Pd oggi tende a superare la denuncia demagogica del berlusconismo alla coda del populismo di Di Pietro, e mostra maggiore disponibilità negoziale sulla "riforma costituzionale" con Berlusconi, nel nome della "pace istituzionale" richiesta da Confindustria e dal Corriere della Sera.

 

La sinistra perdente di riformisti e centristi

Il bertinottismo, cioè il riformismo di questi anni, una scuola in cui è cresciuto non solo Vendola ma anche Ferrero, è la migliore dimostrazione che ogni (apparente) svolta a sinistra è sempre servita unicamente per accumulare forze per la successiva svolta a destra.
Non è un caso che il Comitato Politico di Rifondazione, di metà settembre dello scorso anno, abbia applicato questo teorema: la svolta a destra è stata preparata dalla precedente svolta a sinistra, cercando nuovi accordi di governo col Pd per le regionali.
La disponibilità offerta da Ferrero è quindi più che altro un segnale lanciato al Pd e alla borghesia: il gruppo dirigente del Prc è pronto a riassumere il ruolo di sgabello di governo: oggi nelle regioni (sulla base dei consueti "accordi di programma " che si estenderanno fino all'Udc, annunciati qualche giorno fa dalla segreteria del Prc anticipando Casini) e domani in un nuovo esecutivo nazionale a guida Pd.
Dal versante del Pcl non c'è molto di nuovo da dire, essendo la sua attività circoscritta alle apparizioni mediatiche (in calo tra l'altro) del suo leader. Dalla proposta del "parlamento delle sinistre", all'appello di Ferrando a tutte le forze radicali inclusa quella di Di Pietro contro l'offensiva berlusconista con annessa partecipazione alla manifestazione del 5 dicembre: insomma sempre più a destra l'importante è la visibilità del capo.
Per ciò che concerne Sinistra Critica nemmeno qui abbiamo la radicata organizzazione di cui parlava Flavia D'Angeli in campagna elettorale (vantando la propria organizzazione in raffronto alla nostra). Manca (anzi è rimossa) la necessità di costruire un partito; manca il concetto di programma transitorio, manca la prospettiva di potere dei lavoratori. A ciò si aggiunga che sulla necessità di un partito comunista internazionale Sc fa un ulteriore passo indietro: non sarà più (come l'Npa in Francia) sezione del Segretariato Unificato.
Non è strano, allora, se in contrapposizione al documento di maggioranza è stato discusso al Congresso di Sc un testo alternativo che, con notevole lucidità, proponeva di esplicitare ciò che nel testo di Turigliatto è implicito, sviluppando la linea di Sc fino alle sue logiche conseguenze: la necessità "per questa fase" di un programma "radicalmente riformista" e l'ingresso (visto che di costruire un partito non se ne parla) nella Federazione insieme a Prc e Pdci.

 

Cosa prova a fare invece il PdAC

Nessuno di questi progetti soddisfa le esigenze della fase e cioè una crescita organizzata delle lotte e per questa via la costruzione di una unità della classe: unità che può avvenire solo nella piena indipendenza dalla borghesia, dai suoi partiti, dai suoi governi, dalle sue giunte, dai suoi agenti burocratici nel sindacato, nei partiti e nella prospettiva di alternativa di potere dei lavoratori.
Questa esigenza è al centro del dibattito congressuale del nostro partito.
Un partito indipendente dalla borghesia, ma non autosufficiente, che vuole costruirsi nelle lotte: nella Cgil gli attivisti del PdAC si sono collocati nella Rete 28 aprile, contro la linea concertativa e di collaborazione di classe della maggioranza, per una reale svolta programmatica e organizzativa. Nel sindacalismo di base, i militanti del nostro partito avanzano una battaglia per l'unificazione del sindacalismo di base, per una reale costruzione di un sindacato di classe che rivendichi una piattaforma anticapitalista e sia basato su una reale democrazia interna.
Sono queste solo alcune delle battaglie politiche e sindacali che abbiamo condotto in questi tre anni, per rafforzare il radicamento del partito, consapevoli che la crisi storica dell'umanità è, come asseriva Trotsky, anzitutto crisi di direzione del proletariato mondiale. Una nuova direzione del movimento operaio è urgente e necessaria: un partito che ambisca, per dirla con Lenin, a " ricostruire il mondo, a mettere fine alla guerra imperialista mondiale, che non può terminare con una pace reale senza la più grande rivoluzione proletaria della storia." Insomma e' tempo della nascita del partito della rivoluzione proletaria: se non ora quando.

 

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti

 27 OTTOBRE PUGLIA

 


 

TRE GIORNI NAZIONALE 

16-17-18- OTTOBRE

CLICCA PER IL

PROGRAMMA COMPLETO 

 


14 OTTOBRE SALERNO

 


9 OTTOBRE ROMA
 
 
 

 
8 OTTOBRE EMILIA ROMAGNA
 
 

 
5 OTTOBRE LOMBARDIA
 
 
 
 

 
1 OTTOBRE BARI
 
 
 

 
22 SETTEMBRE
 
 
 

 
 
 
 
 

 

 

 
 
 
 
 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 96

NEWS Trotskismo Oggi n16

Ultimi Video

tv del pdac

Menu principale